Frenata per il Catania, episodi sfavorevoli: è pari con il Crotone

Finisce 1-1 la sfida del "Massimino". Al gol di Torregrossa risponde Castro. Ma quanta sfortuna nel primo tempo, con 2 legni colpiti. Non impeccabile il direttore di gara: episodi dubbi non sanzionati, nonostante le proteste dei rossazzurri. Un pari che va stretto. Furioso Cosentino a fine gara

E' pari al "Massimino" tra Catania e Crotone. Al gol di Torregrossa risponde Castro. Ma quanta sfortuna nel primo tempo, con 2 legni colpiti dai rossazzurri. Non impeccabile il direttore di gara: episodi dubbi non sanzionati, nonostante le proteste degli uomini di Marcolin. Un pari che va stretto, ma che muove la classifica e fa salire a 7 i punti in tre gare per i rossazzurri. A fine gara Cosentino ha riservato parole pesanti contro l'arbitro Sacchi "Ha fatto danno il direttore di gara. Non penso alla malafede, ma in questo caso allora è scarso. Ho già parlato con Abodi perchè quello che si è visto oggi è un disastro"

LE PAGELLE

CATANIA POCO FORTUNATO. Primi 15 minuti contratti per la squadra di Marcolin. I rossazzurri soffrono infatti le ripartenze di Stoian e compagni, in virtù dell'atteggiamento iniziale molto offensivo messo in campo dal tecnico Drago. Il gol arriva da una palla inattiva, bravo Torregrossa a sfruttare favorevolmente un rimpallo. La reazione del Catania parte invece dai piedi di Rosina e Sciaudone. Il numero 44 colpisce prima la traversa dopo un assist al bacio di Mazzotta e pochi minuti dopo sfiora ancora la rete con un diagonale di sinistro che sfiora il palo alla sinistra di Cordaz. Non mancano anche le proteste per una presunta trattenuta ai danni di Maniero nell'arietta piccola: lascia correre il direttore di gara. Qualche dubbio rimane.

L'occasione ghiotta capita nei piedi di Schiavi sugli sviluppi sviluppi di un corner, strepitoso Cordaz. Poi è ancora la traversa a dire di no al Catania: a colpirla Maniero di testa dopo l'ennessimo cross dell'inesauribile Mazzotta. Catania sfortunato che chiude in svantaggio la prima ripresa. Ma anche penalizzato dalle scelte arbitrali: colossale il fallo di mano in area del Crotone non visto dall'arbitro Sacchi proprio nelle battute finale di tempo.

RITMI LENTI, CI PENSA CASTRO. Secondo tempo noioso e abulico. Il Crotone si barrica in difesa, mentre il Catania non allestisce una manovra rapida in grado di impensierire l'estremo difensore Cordaz. La chiave della gara sono i calci piazzati. Da uno di questi nasce la rete negli ultimi minuti siglata da Castro che vola in cielo e insacca di testa battendo l'estremo difensore della squadra calabrese. Un punto finale quello che muove di poco la classifica, ma che dà continuità. E anche morale visto l'andamento della gara e la gioia strappata nei minuti finali. La squadra è viva: ogni gara, da qui in poi, può tramutarsi in vittoria.

TABELLINO CATANIA-CROTONE (Torregrossa 4', Castro 90')

Catania (4-3-1-2):  Gillet,  Belmonte, Schiavi, Ceccarelli,  Mazzotta; Sciaudone, Rinaudo, Coppola, Rosina, Calaiò,  Maniero.

Crotone (4-3-1-2):  Cordaz,  Balasa, Claiton, Gigli, Martella, Matute, Maiello, Suciu, Dezi, Torregrossa,  Stoian.

Ammoniti: Schiavi, Coppola, Sciaudone Suciu, Matute

Espulsi: Suciu

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento