Catania-Crotone, probabili formazioni: Schiavi recupera, centrocampo confermato

Martinho e Castro convocati, ma partiranno dalla panchina. Marcolin sembra intenzionato a riconfermare il 4-3-1-2. In attacco Calaiò e Maniero supportati dall'estro di Rosina. Gillet garanzia tra i pali. Al centro della difesa l'ex Frosinone farà coppia con Ceccarelli

Squadra che vince non si cambia? La strada che porta alla sfida contro il Crotone sembra questa. I recuperati Martinho e Castro non rientrano nell’impianto iniziale del 4-3-1-2, ma a partita in corso potrebbero dare un contributo importante. Marcolin ha le idee chiare e per conquistare quella che sarebbe la terza vittoria consecutiva si affida agli stessi undici. L’avversario, il Crotone, viene da due sconfitte consecutive rimediate contro le prime della classe, Carpi e Bologna. Percorso inverso rispetto ai rossazzurri che contro Pro Vercelli e Perugia hanno trovato lo slancio giusto per ripartire.

QUI CATANIA. Schiavi sembra aver smaltito i postumi della contrattura e dovrebbe regolarmente scendere in campo. Nessuna squalifica in questo turno, centrocampo confermato in blocco e attacco composto da Rosina Maniero e Calaiò.

PROBABILI FORMAZIONI
Catania (4-3-1-2):  Gillet; Belmonte, Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta; Sciaudone, Coppola, Martinho; Rosina; Calaiò, Maniero
Crotone (4-3-3):  Cordaz; Balasa, Claiton, Ferrari, Modesto; Dezi, Suciu, Maiello; Stoian, Torregrossa, Ciano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento