Catania, Legrottaglie chiede scusa: nell'Inter emergenza difesa

Le dichiarazioni del centrale rossazzurro, che ammette l'errore tornando sull'episodio di Parma. Il numero 6 salterà la prossima sfida contro l'Inter. I neroazzurri, però, dovranno fare a meno di Ranocchia

Nicola Legrottaglie @Tm News-Infophoto

Legrottaglie torna sull'espulsione rimediata contro il Parma. Dopo il folle gesto, il numero 6 rossazzurro chiede ufficialmente scusa a tutti. Salterà la prossima sfida d'"alta quota" contro l'Inter.

Queste le sue dichiarazioni: “Ho sbagliato e chiedo scusa a tutti. Al direttore di gara ed ai suoi collaboratori, per l’insistenza delle proteste: nascevano dalla profonda convinzione di avere subito una scorrettezza, ma questa non è una valida giustificazione.

Alla squadra, al mister, a tutto il gruppo di lavoro ed alla società, per avere rimesso in discussione una vittoria ampiamente meritata, lasciando il Catania in inferiorità numerica; al pubblico, infine, perché sono altri i messaggi che cerco di diffondere, in particolare sul piano del rispetto, delle regole e delle persone, della sportività e della compostezza”

Intanto l'Inter è in piena emergenza difesa in vista del prossimo match contro il Catania. Ranocchia, infatti, dopo l'ammonizione rimediata nella partita contro il Milan, salterà la sfida del "Massimino": era diffidato.

Una brutta tegola per Stramaccioni, che avrà a disposizione soltanto i centrali di difesa Juan Jesus e Chivu, quest'ultimo non ancora in perfette condizioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento