Catania, il ritorno di Marchese: "Spero di riportare il club dove merita"

Pronto ad una nuova avventura in rossazzurro. In un nuovo ruolo, quello di centrale. "Soluzione a tre in difesa percorribile" annuncia il giocatore. Gli arrivi in casa Catania non terminano qui: continua infatti la ricerca di una prima punta, capace di finalizzare il gioco. "Qualcuno deve prima uscire" spiega Lo Monaco

Salgono a tre i ritorni in casa Catania. Marchese, dopo Paolucci e Biagianti, è l’ultimo uomo della vecchia guardia che arriva per arricchire la rosa rossazzurra. Oggi la presentazione ufficiale del difensore, che ha esordito così. “Spero di riportare il Catania dove merita, non è questa la categoria che gli compete”. Tanti i ricordi che legano il giocatore alla piazza etnea: “Dalla promozione del 2006, porto con me una serie di ricordi – ha spiegato Marchese - essendo io inoltre siciliano, questo è per me un momento speciale. In questo periodo di tre mesi ho ulteriormente rafforzato quella che sin dall’inizio era la mia prima scelta, ovvero tornare ad indossare la casacca rossazzurra”

Nuovo modulo e difesa a 3? “Penso sia uno schieramento fattibile. L’importante è partire con la palla sin dalla difesa, per trovare spazi utili ai nostri centrocampisti e attaccanti”. Pensiero condiviso anche dal direttore Pietro Lo Monaco: “La nostra difesa la troviamo in poche squadre di B  e con l’acquisto di Marchese abbiamo dotato Rigoli di nuove soluzioni tattiche”.

L'obiettivo per il resto della stagione resta sempre quello di piazzarsi in zona play-off nel miglior modo possibile. Marchese punta il dito sulla mentalità della squadra, sottolinenando le enormi potenzialità del gruppo: “Il campionato è difficile, con un girone sud ostico. Se la squadra acquisisce una mentalità vincente, attraverso il gioco, migliorando il rendimento in trasferta, può sicuramente arrivare in zona play-off in una posizione ottimale"

CAPITOLO SOCIETARIO. Il presidente del Calcio Catania, Davide Franco, presente alla conferenza odierna, ha fatto il punto della situazione sulla holding Finaria: “Tutti i settori in cui opera Finaria stanno andando a gonfie vele – tuona Franco in qualità di capo del consiglio di amministrazione -  occorre risolvere problematiche pregresse in termini debitori e abbiamo ottimi feedback da parte degli istituti finanziari. L’anno 2017 sarà importante per tutto il gruppo, non soltanto per il Catania Calcio”. Situazione che cambia le carte in tavola in merito ad un’eventuale cessione: “Non è più un obbligo adesso ipotizzare una vendita della società, vista la situazione attuale” conclude Franco.

CAPITOLO ATTACCANTE. “Dobbiamo fare i conti con la lista over della rosa, attualmente piena. Con la cessione di Piscitella, abbiamo avuto la possibilità di fare arrivare Marchese. Inevitabilmente per inserire un nuovo arrivo è necessario qualcuno venga ceduto" spiega Lo Monaco, analizzando le dinamiche del calciomercato di Lega Pro.

BASTRINI VICINO ALL'ADDIO. Con l’arrivo di Marchese il futuro di Bastrini è sempre più lontano da Catania. Il giocatore è infatti vicino al trasferimento tra le fila della Cremonese. Novità sono attese nei prossimi giorni: la trattativa potrebbe infatti decollare definitivamente.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento