Petardi e cori contro le forze dell'ordine: multa salata inflitta al Catania

Nel corso del match disputato contro la Reggina alcuni ordigni sono stati lanciati dagli spalti dei sostenitori rossazzurri. Il club etneo paga adesso le conseguenze: 5 mila euro la cifra da sborsare

Prima i petardi. Poi i cori contro la polizia. Catania Reggina, finita 2-1 sul campo, lascia alcuni strascichi anche per quanto successo sugli spalti durante lo svolgimento del match. La protesta ordita dal tifo organizzato, con tanto di striscione esposto sugli spalti, sarebbe da attribuire ad alcune diffide che sarebbero scattate nei giorni scorsi nei confronti del movimento ultra catanese.

Questo il comunicato ufficiale diramato dal giudice sportivo della Lega in merito al provvedimento disciplinare nei confronti del Catania: "Perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere cinque petardi nel recinto di gioco; i medesimi introducevano e accendevano alcuni fumogeni uno dei quali veniva lanciato nel recinto di gioco, il tutto senza conseguenze; perché propri sostenitori intonavano vari cori offensivi verso le forze dell'ordine"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento