“Telenovela” Catania-Vicenza, interviene Cosentino sulla vicenda Marino

"La trattativa con lo stesso tecnico sarà avviata solo e se avrà risolto autonomamente il contratto che lo lega al Vicenza" queste le parole del club rossazzurro. Il Vicenza, tradotto, tiene duro e non vorrebbe privarsi di una buonuscita per l'eventuale perdita di Marino. Possibile un acquisto dal Vicenza per saldare l'indennizzo?

Pulvirenti ha confermato le indiscrezioni riportate nell’ultimo mese. Catania e Marino sono in procinto di riprendere una nuova avventura e già da tempo le intenzioni appaiono chiare. Restano problemi di risoluzione del contratto per il tecnico di Marsala. La società rossazzurra in un comunicato ufficiale ha spiegato il perché di queste lungaggini, in particolare ecco le parole dell'Amministratore Delegato Cosentino: "Relativamente al possibile affidamento dell’incarico di allenatore della prima squadra del Calcio Catania al signor Pasquale Marino, l’Amministratore Delegato Pablo Cosentino precisa che l’eventuale trattativa con lo stesso tecnico sarà avviata solo e se avrà risolto autonomamente il contratto che lo lega al Vicenza".

Quale possibile risvolto? Il Vicenza, appare chiaro, non vuole mollare il tecnico senza ricevere in cambio una buonuscita dal Catania. Possibile che questo eventuale indennizzo possa essere in qualche modo "saldato" con l'arrivo di un acquisto dal Vicenza? Brighenti, nome fatto nei giorni scorsi dalla nostra redazione, potrebbe essere una soluzione non trascendentale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento