Cessione Catania, nuova Spa disegna il nuovo organigramma: ecco i nomi e ruoli

L'assemblea dei soci ha deliberato la composizione dell'organigramma dirigenziale del Calcio Catania, nel caso in cui l'acquisizione dovesse andare a buon fine. Intanto in Calcio Catania ha avanzato la richiesta di concordato in bianco in tribunale

Nata il 20 Maggio 2020, la Sport Investiment Group Italia Spa muove i primi passi e rende noto che l'assemblea dei soci ha deliberato l'aumento del capitale sociale da 55 mila euro a 5 milioni di euro, condizionato all'acquisizione del Catania Calcio. 

A poco più di 24 ore dalla formazione della Spa, poi, sono già otto i nuovi imprenditori che hanno chiesto di poter far parte della Sport Investiment Group Italia. L'assemblea dei soci ha anche deliberato la composizione dell'organigramma dirigenziale del Catania, nel caso in cui l'acquisizione dovesse andare a buon fine. Nel dettaglio la composizione e i nuovi nomi che sono stati comunicati ufficialmente: 

Presidente - Fabio Pagliara
Vice Presidente – Girolamo Di Fazio
Vice Presidente Vicario – Antonio Paladino
Amministratore delegato – Carmelo Munzone
Amministratore delegato – Sergio Arena

Consiglio di amministrazione
Presidente – Angelo Maugeri
Consigliere – Stefania Baudo
Consigliere – Fabio Lattanzi
Consigliere – Nicola Le Mura

General Manager - Maurizio Pellegrino
Area Sportiva – Massimo Mauro e Vincenzo Guerini
Business and Develpment Manager – Davide Lenarduzzi
Event Organizer – Sebastiano La Ferlita
Ufficio Stampa - Futura Production
Rapporti con il territorio - Salvatore Cambria
Rapporti con il personale - Francesco Laudani
Consulenza contabile fiscale e lavoro - Professionisti Doc Srl
Ufficio Legale - Giuseppe Augello e Giovanni Ferraù
Responsabile relazioni società e tifosi - Giuseppe Rapisarda

Intanto in Calcio Catania ha avanzato la richiesta di concordato in bianco in tribunale. La palla passa quindi dalla decisione del tribunale adesso. In caso venga accettata la richiesta del Calcio Catania, sarebbe l'attuale proprietà del club a gestire l'eventuale vendita. Qualora invece la richiesta fosse rigettata e venissero nominati gli amministratori giudiziari, con il conseguente azzeramento del cda del Catania, sarebbe quello tracciato dalla Procura l'unico scenario, con l'eventuale offerta che sarebbe valutata dal tribunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento