Coppa Campioni pallanuoto femminile, Ekipe Orizzonte qualificata ai quarti di finale

"Cambia poco se ci siamo qualificate da seconde, perchè per vincere la Coppa Campioni prima o poi devi comunque incontrare tutte le avversarie migliori, ma noi ci prepareremo per tempo" le parole a caldo di coach Miceli. La squadra avrà ora il tempo di festeggiare la Supercoppa conquistata appena una settimana fa

L’Ekipe Orizzonte continua nella sua marcia fatta di trionfi e successi. Dopo la fresca Supercoppa Europea portata a casa le ragazze allenate da Martina Miceli staccano il pass per i quarti di finale della Coppa Campioni di pallanuoto femminile. La vittoria conquistata contro le ungheresi del BVSC Zuglo con un netto 13-7 è arrivata nell’ultima partita del girone eliminatorio svoltosi alla Piscina “Francesco Scuderi” di via Zurria e ha sancito il passaggio del turno della compagine etnea.

La squadra non ha mai pensato di mollare la presa e solo poche ore dopo la delusione per la sconfitta contro l’Uralochka ha ritrovato il sorriso, costruendo il pronto riscatto e conquistando con grande merito la qualificazione ai quarti di finale. Un passaggio del turno difficile, sia per la qualità delle avversarie che per la mole di impegni ravvicinati e la vittoria della Supercoppa di appena una settimana fa. Le catanesi però hanno stretto i denti, capitalizzando le energie rimaste e battendo l'avversario. A fine partita il tabellino riporta tre goal a testa per Arianna Garibotti e Joelle Bèkhazi, due ciascuno per Giulia Viacava e Rosaria Aiello ed uno per Valeria Palmieri, Giulia Emmolo ed Hayley McKelvey. Una prestazione da gruppo compatto e da grande squadra, osservata con attenzione e partecipazione in panchina dal presidente Tania Di Mario e dal coach Martina Miceli, con quest’ultima che alla fine commenta con gioia ed orgoglio il passaggio ai quarti:

"La qualificazione è per noi davvero molto importante, sabato mi ero arrabbiata tanto ma so che le ragazze erano molto stanche. Superare il girone eliminatorio non era una passeggiata, anche se ci siamo complicate la vita da sole. Sapevamo che anche oggi sarebbe stato difficile, ma alla fine le ragazze sono venute fuori nel pieno spirito dell’Orizzonte, compatte più che mai. Qualcuna ha dato qualcosa di più, qualcun’altra avrebbe potuto dare qualcosa in più, però tutte sono state molto brave soprattutto in difesa e anche Giulia Gorlero ha fatto una grande partita tra i pali. Abbiamo commesso qualche errore dovuto alla poca lucidità, ma mi sono piaciute molto perchè si sono sacrificate l’una per l’altra. Finalmente possiamo festeggiare la vittoria della Supercoppa, cosa che non eravamo ancora riuscite a fare per via degli impegni ravvicinati e che non avremmo avuto modo di fare se fosse andata male in questo girone. In ogni caso, ho visto che anche gli altri gironi sono stati tutti combattuti e sono venuti fuori dei risultati strani. Ciò significa che le prime otto sono tutte forti e cambia poco se ci siamo qualificate da seconde, perchè per vincere la Coppa Campioni prima o poi devi comunque incontrare tutte le avversarie migliori, ma noi ci prepareremo per tempo. Adesso ci aspetta la Final Six di Coppa Italia, non voglio mettere le mani avanti ma non mi aspetto delle prestazioni brillanti ed è una cosa che abbiamo messo in preventivo da tempo. Abbiamo programmato tutto il nostro tabellino di marcia in funzione della Supercoppa, sapevamo che avremmo sofferto per la Coppa Campioni e così è stato. Va sottolineato però che abbiamo giocato quattro partite di altissimo livello in cinque giorni, qualcosa che forse non riuscirebbero a sostenere neanche dei supereroi, e giovedì prossimo torneremo di nuovo in campo. Sicuramente è una cosa non umana, ma cercheremo ugualmente di fare bene e daremo comunque il massimo. Ribadisco che non saremo brillantissime e va considerato anche che non avremo a disposizione le nostre giocatrici canadesi. Sarà però un’ottima occasione per far mettere in mostra chi gioca di meno, comprese le atlete più giovani. Quindi andremo lì accompagnate dalla serenità di chi ha già centrato tutti gli obiettivi del 2019".

IL TABELLINO DEL MATCH: Ekipe Orizzonte-BVSC Zuglo 13-7

Parziali: 3-4, 4-1, 3-1, 3-1

Ekipe Orizzonte: Gorlero, Ioannou, Garibotti 3, Viacava 2, Aiello 2, Bèkhazi 3, Palmieri 1, Marletta, Emmolo 1, McKelvey 1, Riccioli, Santapaola, Condorelli. All. Miceli

BVSC Zuglo: Doroszlai, Utassy, Farkas K., Alaksza D., Takacs O. 1, Farkas T. 3, Mihaly 1, Leimeter 2, Koncz, Kele, Alaksza N., Gyongyossy, Toth. All. Petrovics.

Arbitri: Dalli (MLT), Spanoudis (GRE).

Note: 400 spettatori. Sup. numeriche: Orizzonte 4/11, Zuglo 1/6. Fuori per tre falli Alaksza D. per tre falli.

Nell’altra partita della terza giornata le russe dell’Uralochka hanno battuto 16-9 le spagnole del Sant Andreu.

CLASSIFICA GIRONE H: Uralochka 9, Ekipe Orizzonte 6, BVSC Zuglo 3, Sant Andreu 0.

LE QUALIFICATE AI QUARTI DI FINALE DI COPPA CAMPIONI: Olympiacos, Dunaujvaros, Sabadell, Utrecht, Kirishi, Vouliagmeni, Uralochka, Ekipe Orizzonte


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Librino, in 40 aggrediscono due agenti che tentavano di fermare una moto senza targa

  • Tentato omicidio a Palagonia, coltellate e spari dopo una lite: un ferito

  • Rientra e trova armi e oltre 6 chili di hashish nel suo deposito

  • Scopre di essere incinta poco prima di partorire: ma la bambina muore

  • "Gli italiani scelgono Catania per il Natale 2019 e il Capodanno 2020"

  • Agenti aggrediti a Librino, arrestato un diciottenne

Torna su
CataniaToday è in caricamento