Coronavirus, nota ufficiale Lega Pro: cinque partite a porte chiuse per il Catania

Interessate le seguenti gare degli etnei nel provvedimento di emergenza: Bisceglie-Catania, Bari-Catania, Catania-Paganese, Sicula Leonzio-Catania, Catania-Catanzaro

L'emergenza coronavirus blocca l'intero mondo dello sport. Anche la Lega Pro comunica ufficialmente la disputa delle gare previste fino al 4 aprile a porte chiuse. Saranno 5 i match del Calcio Catania in questo arco di tempo, interessati dal provvedimento di emergenza: Bisceglie-Catania, Bari-Catania, Catania-Paganese, Sicula Leonzio-Catania, Catania-Catanzaro. 

La nota della Lega Pro del presidente Ghirelli dispone varie indicazioni organizzative riguardo allo svolgimento delle gare "a porte chiuse". Riguardo al pubblico: "Non sono ammessi tifosi all'interno dello stadio né ospiti accreditati dalle Società" si legge. Ulteriori disposizioni riguardano invece addetti ai lavori con relative indicazioni pubblicate nel sito ufficiale della Lega Pro.

Intanto i rossazzurri hanno svolto il secondo allenamento settimanale in vista della sfida contro il Bisceglie. Conclusa una sessione di forza in palestra, mister Lucarelli ha disposto lo svolgimento di una partitella caratterizzata da otto reti nell'arco di un'ora, schierando nella seconda frazione di gioco sei calciatori della "Berretti". Marco Biagianti ha aperto le marcature con una splendida conclusione all'incrocio dei pali; doppiette per Maks Barisic, al rientro in gruppo, Leo Beleck e Gabriele Capanni, che ha trasformato un calcio di rigore. A segno anche Alessio Curcio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento