I tifosi accusano De Canio, ma Pulvirenti lo difende: "Colpa degli infortuni"

E' tempo di processi in casa rossazzurra. I risultati non arrivano e la situazione in classifica non lascia spazio a compiacimenti sterili. Il patron rossazzurro punta il dito contro la preparazione fisica della squadra e rinnova la fiducia per il mister

E' tempo di processi in casa rossazzurra. I risultati non arrivano e la situazione in classifica non lascia spazio a compiacimenti sterili. Per questo motivo la piazza catanese, dopo anni di grandi soddisfazioni, è ripiombata prepotentemente nello sconforto. Lottare per la salvezza non è però di certo una novità: la paura vera e propria ha invece un nome e si chiama serie B.

Il primo indiziato per i tifosi e l'opinione pubblica etnea è al momento il tecnico De Canio. Solo 4 punti con la sua gestione sembrano essere pochi per programmare un piano salvezza a lunga durata. Il presidente Pulvirenti non è però di questo avviso. Così ha dichiarato nel corso della trasmissione televisiva di Telecolor, "Corner": "L’unico rammarico che ho è non aver cambiato prima l’allenatore. Non ho nulla contro il Maran uomo. Parlo riferendomi alla condizione fisica, ho visto una squadra preparata male dal punto di vista atletico e la prova ne sono i tanti infortuni che hanno impedito a De Canio di avere anche solo gli uomini per allenarsi bene".

Scongiurato quindi un ritorno di fiamma per mister Maran. La gestione De Canio, stando alle parole del patron rossazzurro, potrà essere valutata soltanto a partire da ora, con il recupero completo della rosa. Intanto i tifosi osservano sperando che una svolta da qualche parte possa arrivare: soprattutto sul piano del gioco. Magari ripetendo l'ottimo primo tempo visto con i rossoneri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale nell'incrocio tra via Umberto e via Musumeci: passeggino travolto da una macchina

  • Lido "Le Capannine", armi e stupefacenti nei bungalow: arrestato Salvatore Raciti

  • Mineo, carabiniere di 34 anni si spara con la pistola d'ordinanza

  • Violati i sigilli al laboratorio dell'Etoile d'Or: nuova ispezione e chiusura del bar

  • Mafia dei Nebrodi e i rapporti con i Santapaola: arresti anche a Catania

  • Sidra, niente acqua giovedì 23 gennaio: le zone di Catania interessate

Torna su
CataniaToday è in caricamento