Venerdì, 12 Luglio 2024
Scudetto a Catania

Ekipe Orizzonte immensa, rossazzurre campionesse d'Italia per la ventitreesima volta

Le pallanuotiste etnee superano 8-6 la Sis Roma in Gara 4 e festeggiano. La piscina di Nesima è un tripudio rossazzurro

Tripudio rossazzurro alla piscina di Nesima, a Catania. L'Ekipe Orizzonte supera 8-6 la Sis Roma in gara 4 delle finali scudetto e si aggiudica il tricolore per la ventitreesima volta. La serie contro le capitoline si chiude sul 3-1. Le atlete etnee allenate da Martina Miceli, dopo aver perso gara 1, hanno messo il turbo trovando una reazione rabbiosa e riaffermando la propria forza. Grande prova delle catanesi che dopo la Coppa Italia alzano al cielo il secondo trofeo di questa stagione. 

Tante le note positive. Tutte le pallanuotiste dell'Ekipe Orizzonte hanno dato il proprio contributo alla causa, anche Tania Di Mario che a 44 anni ha saputo essere ancora decisiva in vasca - da presidente del club rossazzurro - conquistando l'ennesimo titolo della propria carriera. Da segnalare la prestazione di Morena Leone che ha messo a referto tre reti.

Gara all'insegna dell'equilibrio, della voglia di superarsi ma anche del reciproco rispetto dell'avversario. Roma avanti con Andrews e poi rimontata dall'uno-due siglato da Marletta e Bettini, prima del nuovo pari di Galardi. Ancora Andrews nella seconda frazione per le romane, Bettini fa 3-3 ma l'Ekipe chiude sotto il tempo di gioco per la realizzazione di Piccozzi. Poi sale in cattedra Leone che segna tre volte, Andrews trascina Roma che resta in partita (altre due marcature per lei), ma nell'ultimo quarto ci pensano Di Mario e Marletta a chiudere i giochi e permettere alla propria squadra e a un'intera città di fare festa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ekipe Orizzonte immensa, rossazzurre campionesse d'Italia per la ventitreesima volta
CataniaToday è in caricamento