Passaporti falsi: 'Il fatto quotidiano' punta il dito verso Bergessio

Nel nuovo presunto "scandalo" del calcio italiano, quello dei passaporti falsi, secondo "Il fatto quotidiano" sarebbe invischiato anche il catanese Gonzalo Bergessio

Un nuovo presunto "scandalo" starebbe per scoppiare nel nostro campionato di calcio: così come successo ad inizio anni 2000, secondo quanto trapelato ieri, infatti, si potrebbe riavere a breve una nuova inchiesta relativa ai falsi passaporti per i giocatori extracomunitari. Secondo la Procura, cioè, ci sarebbero venti professionisti, quindici di serie B e cinque di serie A, che avrebbero ottenuto il passaporto comunitario in modo irregolare. La procedura non lecita sarebbe stata avviata a Fermo dove, grazie all'assenza di controlli relativi alla naturalizzazione dei tesserati, un'associazione criminosa agiva in modo continuo nell'attività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fra i presunti tesserati coinvolti, secondo "Il fatto quotidiano" ci sarebbe anche un argentino del Catania, Gonzalo Bergessio. L'ex attaccante del Saint-Etienne, arrivato in Sicilia a gennaio del 2011, sarebbe quindi, secondo il giornale romano, uno dei cinque giocatori di serie A che avrebbe beneficiato dell'attività irregolare per poter ottenere la cittadinanza italiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento