Ischia-Catania, probabili formazioni: scalpita Lupoli, out Bombagi

Il dubbio di Pancaro si chiama Lupoli: il neo acquisto in casa Catania dovrebbe partire dalla panchina, ma non si escludono sorprese. Plasmati out per infortunio, Calil torna al centro dell'attacco

Prima trasferta dopo la sessione invernale di mercato che ha cambiato le pedine a disposizione di Pancaro. Anche gli infortuni, con Plasmati e Russotto fuori causa, cambiano la fisionomia della squadra che si appresta a scendere in capo quest'oggi contro l'Ischia, in trasferta.

L'avversario degli etnei, che staziona al terzultimo posto in classifica, cerca i tre punti per uscire dalla zona calda della classifica. Il Catania, invece, vuole continuare la striscia positiva, condita dall'ultimo successo interno contro il Matera.

QUI CATANIA. Il dubbio di Pancaro si chiama Lupoli: il neo acquisto in casa Catania dovrebbe partire dalla panchina, ma non si escludono sorprese. Plasmati out per infortunio, Calil torna al centro dell'attacco, con Calderini, in condizioni di forma importanti, pronto a riprenderersi una maglia da titolare. Convocato anche Gulin, giunto in prestito dal Pordenone. Il giovane scuola Fiorentina partirà dalla panchina e potrà essere utile, in attacco, a gara in corso.

A centrocampo Pessina, convocato, cerca spazio. Rischia Musacci.

PROBABILE FORMAZIONE ISCHIA-CATANIA

Catania: (4-3-3): Liverani, Garufo, Pelagatti, Bergamelli, Nunzella, Agazzi, Pessina (Musacci), Di Cecco, Calderini, Falcone, Calil

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento