rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Nuovo progetto

Pallanuoto maschile, la Muri Antichi riparte dalla Serie B

Una scelta sofferta ma necessaria: la Muri Antichi rinuncia ad un titolo sportivo più blasonato per continuare a lavorare con lungimiranza sui giovani talenti e approntare ad una programmazione più efficace

Dopo quindici anni consecutivi di militanza nel campionato di A2, culminati nello storico traguardo dei playoff per la A1 dello scorso anno, Muri Antichi ha rinunciato al titolo con una scelta di responsabilità seppur dolorosa, ma con la netta consapevolezza della volontà di rilanciarsi, sin da subito, con un progetto chiaro, condiviso tra società, tecnici e atleti, che coinvolgerà tutto il settore, compresa l’attività giovanile che Muri Antichi, come sempre, mette in primo piano. Tale progetto, valutato positivamente dalla Federnuoto, ha fatto sì che Muri Antichi sia stata inserita nel girone 4 della Serie B, in modo da dare la massima continuità e la giusta visibilità ad una realtà che da oltre 25 anni è saldamente ai vertici del movimento pallanuotistico regionale e nazionale.

A capo di questo nuovo progetto tecnico non poteva che esserci Aurelio Scebba, il quale ha deciso di dedicarsi a tempo pieno al nuovo incarico di allenatore della prima squadra decidendo nel contempo di interrompere la sua carriera da giocatore, peraltro al termine di una stagione straordinaria. Accanto a lui, il suo “maestro” Salvo Scebba nel ruolo di assistant coach e Sascha Ferale in qualità di preparatore atletico. Scebba sarà alla guida, oltre che della formazione di Serie B, anche dell’Under 18. A guidare i gruppi under 16 e 14 sono chiamati altri due “figli” di Muri Antichi: Fabrizio Basile e Cristiano Vittoria, entrambi scelti oltre che per le loro doti tecniche e umane, anche per esaltare e rafforzare il senso di appartenenza dei nostri ragazzi vista la loro lunghissima militanza e provenienza dal nostro vivaio. Confermatissimi Dino Cassone e Andrea Fiorito alla guida delle squadre under 12 e under 10 che parteciperanno ai Campionati Regionali di categoria e allo Habawaba di giugno 2023. Anche per quest’anno, grazie al rinnovato accordo di collaborazione con la Copral Waterpolo, l’Under 18 disputerà il campionato di Serie C, sfruttando la formula dei prestiti alternativi che consentirà loro di disputare il doppio torneo. La serie C della Copral anche per quest’anno sarà affidata nelle mani sapienti di Rosario Scorza. Naturalmente anche per questa stagione la società potrà contare sul prezioso contributo del confermatissimo management marca “Muri Antichi”: Andrea Scirè (direttore sportivo), Gabriele Indelicato (team manager) e Paolo Alessi (tesoreria, comunicazione e marketing).

Il lavoro svolto dallo scorso 5 settembre, data di inizio degli allenamenti, ha già portato i primi frutti. Lo scorso fine settimana infatti Muri Antichi ha vinto il torneo pre-season che si è svolto a Santa Maria Capua Vetere, grazie all’ottima organizzazione del San Mauro di Cristian Andrè. La manifestazione prevedeva la partecipazione di ben 10 formazioni di Serie B e grazie a cinque vittorie in altrettante partite Muri Antichi ha portato a casa il prezioso trofeo, dimostrando sin d’ora di essere sulla strada giusta e regalando così la prima gioia a mister Scebba. Ampio spazio e minutaggio per tutti, piccoli e grandi, anche nella finalissima terminata con il punteggio di 10-6 contro i napoletani della Nuoto 2000.

“Già da luglio, cioè da quando è maturata la decisione di non disputare la Serie A2 - le parole del presidente Luigi Spinnicchia - i dirigenti si sono messi al lavoro per mettere su e perfezionare il nuovo progetto. Sulla figura di Aurelio Scebba sin da subito c’è stata una convergenza unanime e convintissima. Muri Antichi aveva l’obbligo di ripartire con i suoi uomini migliori, sia in acqua che fuori dalla vasca e Aurelio ha subito accettato con grande spirito di appartenenza quanto la società gli ha proposto. Nessuno più di lui, in questa fase, meritava di stare in prima linea. Tutti sappiamo quanto sia doloroso per lui lasciare la pallanuoto da atleta, ma non ha mai avuto dubbi sul fatto che fosse la scelta migliore per onorare al meglio questa nuova straordinaria avventura da allenatore della squadra maggiore della società che lo ha visto, prima atleta delle giovanili, conquistare le nazionali, poi protagonista di tante stagioni in B e soprattutto in A2, capitano e contemporaneamente allenatore delle squadre giovanili per tanti anni. Una carriera trasversale e multi ruolo all’interno di Muri Antichi che pone senza alcun dubbio Aurelio come la persona giusta al momento giusto e che ci consentirà un percorso duraturo e ricco di soddisfazioni. Un ringraziamento lo meritano i nostri ragazzi – conclude Spinnicchia - tutti convinti nel condividere il progetto e contribuire da protagonisti a rilanciare le ambizioni della loro società. In bocca al lupo a tutti noi, a questo team e a questo gruppo di atleti che, ci auguriamo, possano tracciare il solco per tantissime stagioni”.

“Siamo alla vigilia di una nuova stagione che per noi significa un nuovo progetto che riparte – afferma il direttore dportivo Andrea Scirè - e per questo non potevamo fare scelta migliore di Aurelio Scebba che ha grandissimo senso di appartenenza per la famiglia Muri Antichi. Aurelio ha scelto di togliere la calottina per scommettersi in questo nuovo ruolo e noi siamo convinti sia la persona giusta. La società nutre tantissima fiducia nei suoi confronti e altrettanta fiducia nel roster giovane e determinato che ha allestito”.

“Sono davvero molto felice per questa nuova avventura – dichiara con entusiasmo il nuovo tecnico dei Muri Antichi, Aurelio Scebba – non poteva esserci posto migliore, Muri Antichi è casa mia. La mia nuova carriera che mi si sta presentando davanti è stata la cosa più naturale del mondo, la dirigenza mi ha fatto questa proposta e io non ho esitato ad accettare. Il progetto mi alletta, una Muri Antichi 2.0 giovane pronta già ad iniziare. Sento la responsabilità ma mi piace, la squadra sarà composta anche da giocatori esperti oltre ai nostri giovani. Ringrazio la società perché mi ha accontentato in tutte le richieste da me fatte, partendo dallo staff, in primis con l’apporto che mio padre mi darà come assistant coach e chi meglio di lui, a finire con il preparatore fisico Ferale, finendo con alcuni elementi del roster da me fortemente voluti. Tutto lo staff, dalle giovanili alla prima squadra, è di assoluto livello tecnico e umano, le basi per ripartire alla grande ci sono tutte, il torneo di qualche giorno fa ci ha già dato grandi indicazioni e io non vedo l’ora di cominciare”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pallanuoto maschile, la Muri Antichi riparte dalla Serie B

CataniaToday è in caricamento