Rugby, la decisione del Consiglio Federale: inizio campionati nazionali rinviato al 24 gennaio 2021

Per quanto attiene gli allenamenti, è possibile continuare a svolgere, sino al 24 novembre, data di scadenza del DPCM attualmente in vigore, attività distanziata individuale senza contatto per tutte le categorie

Il Consiglio federale della Federazione Italiana di Rugby si è riunito in video conferenza per la settima riunione del 2020. Il Consiglio stesso, tenuto conto dell’aggravarsi della situazione epidemiologica in atto, ha in prima istanza analizzato le misure da assumere a tutela del movimento a seguito del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri emanato, in data 24 ottobre, e a un costante confronto della struttura federale con i competenti uffici governativi.

In superamento di quanto deliberato il 22 ottobre u.s. è stato disputo il rinvio al 24 gennaio 2021 come data d’inizio dei campionati nazionali di Serie A, Serie A femminile - Girone 1,2 3 e 4, Serie B, Serie C - Girone 1. Inoltre, sono sospese sino al 24 gennaio tutte le attività agonistiche organizzate dai Comitati regionali (Serie C - Girone 2, U18 Elite, U18 regionale M/F, U16 M/F, U14 M/F, Coppa Italia femminile).

Per quanto attiene gli allenamenti, è possibile continuare a svolgere, sino al 24 novembre, data di scadenza del DPCM attualmente in vigore, attività distanziata individuale senza contatto per tutte le categorie. Disposizioni su eventuali modifiche alle formule dei campionati nazionali e regionali saranno oggetto di successive valutazioni da parte del Consiglio federale, sulla base dell’evoluzione della pandemia. È consentita, secondo quanto previsto dal DPCM, l’attività motoria individuale all’aperto senza contatto per tutte le categorie di propaganda e amatoriali.

Resta in calendario, ma posticipato al 7 novembre, il solo inizio del campionato italiano "Peroni" TOP10, per consentire alle società partecipanti di adeguarsi alle modificazioni previste al nuovo Protocollo per l’organizzazione degli allenamenti e dell’attività agonistica nazionale FIR, che verrà pubblicato nel minor tempo possibile su federugby.it. e su covid-19.federugby.it.

"Mantenere attivo il tessuto sociale di ogni club affiliato, consentendo ai tesserati di proseguire individualmente ed in sicurezza le sedute di allenamento, tutelando la salute di ogni singolo componente della nostra comunità, ha guidato e continua a guidare le scelte del Consiglio, assunte all’insegna del più profondo senso di responsabilità nei confronti del movimento. Abbiamo lavorato e continueremo a farlo per garantire la sostenibilità del rugby italiano, consapevoli delle eccezionali sfide che il contesto storico sta ponendo innanzi a tutto il sistema sportivo nel nostro paese", ha dichiarato il Presidente della FIR, Alfredo Gavazzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento