Torre del Grifo, petardi in campo: Catania contestato dai tifosi

L'ambiente rossazzurro rischia di essere un pentolone pronto ad esplodere da un momento all'altro. Un esempio è arrivato ieri durante l'allenamento disputato dai rossazzurri a porte aperte. Non sono mancati fischi, cori e fumogeni

L'ambiente rossazzurro rischia di essere un pentolone pronto ad esplodere da un momento all'altro. I risultati sconfortanti della squadra etnea, conditi da un gioco non esaltante, stanno trasformando lo sconforto della platea catanese in vera e propria rabbia. Un esempio è arrivato ieri durante l'allenamento disputato dal Catania a porte aperte.

Fischi, cori e petardi durante tutta l'ora di allenamento. Nel mirino chi non ha convinto fino ad oggi: beccato in particolare il centrocampista greco Tachtsidis. Non sono rimasti immuni alle contestazioni nemmeno l'allenatore De Canio e il presidente Antonino Pulvirenti.

Il momento è delicato, inutile nasconderlo: la sfida contro la Sampdoria suona tanto di ultima spiaggia, soprattutto per il neotecnico rosazzurro. Saranno diversi gli animi tra una settimana? La risposta, come sempre, spetta al campo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento