Donne bulgare costrette a prostituirsi alla stazione centrale | Video

Le indagini dell'operazione 'Bokuk', parola bulgara che indica la spazzatura e termine che gli indagati usavamo per indicare le vittime, sono state avviate nel giugno del 2020 dopo la denuncia di due bulgare nei confronti di una straniera che pretendeva pagassero a lei il cosiddetto 'joint', lo spazio che occupavano in strada, vicino alla stazione ferroviaria di Catania, dove erano solite prostituirsi

Vai all'articolo

Sullo stesso argomento

Video popolari

Donne bulgare costrette a prostituirsi alla stazione centrale | Video

CataniaToday è in caricamento