Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Falsi permessi di soggiorno, coinvolti tre funzionari del Comune | Video

Avrebbero fornito documenti falsi per permettere la permanenza e il soggiorno di cittadini stranieri in Italia. A scoprire il tutto e' stata la Digos di Catania, che ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale etneo a carico di dieci indagati, di cui cinque cittadini extracomunitari

 

L'accusa e' di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina attraverso la concessione e la falsificazione di documenti. Le falsificazioni erano sia materiali che ideologiche, in base al documento richiesto dal 'cliente'. Della banda, infatti, facevano parte un perito falsario originario del Bangladesh e tre pubblici ufficiali del Comune di Catania, che dietro compenso si prestavano a rendere false dichiarazioni o a compiere atti relativi al loro ufficio. L'inchiesta, denominata 'Si puo' fare', ha scoperto l'esistenza di un vero e proprio tariffario per ogni servizio reso, con sconti e agevolazioni per alcune categorie e con tanto di formula 'soddisfatti o rimborsati'. Un centinaio i cittadini stranieri che avrebbero ottenuto favori dall'organizzazione.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento