Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Processo Gregoretti, Palamara non sarà sentito: si chiude il 14 maggio | Video

Oggi a Catania è stato ascoltato l’ambasciatore italiano Maurizio Massari. Secondo Giulia Bongiorno, avvocato di Matteo Salvini, la sua deposizione "ha chiarito che c'è stata continuità politica tra il 'Conte uno' e il 'Conte due'"

 

Matteo Salvni tornerà presso l'aula bunker di Catania il prossimo 10 aprile, dopo l'udienza preliminare di oggi in cui è stato sentito come testimone l’ambasciatore italiano Maurizio Massari, in qualita’ di rappresentante permanente dell’Italia all’Unione Europea. Secondo l'avvocato di Salvini, Giulia Bongiorno, la sua deposizione "è stata particolarmente efficace perché ha chiarito che c'è stata continuità politica tra il 'Conte uno' e il 'Conte due'. In particolare Massari - ha aggiunto la Bongiorno- Massari ha fatto riferimento al fatto che a partire dal caso Diciotti ci fu una scelta politica italiana da parte del premier e dei ministri degli esteri e degli interni, ovvero quella diesercitare una pressione politica sull'Europa per la redistribuzione dei migranti prima che avvenissero gli sbarchi. Da questo si desume che ci fosse una linea di governo ben precisa, che prevedeva di sollecitare e invitare l'Unione Europea a fare una redistribuzione dei migranti. Le nostre conclusioni sono che alla luce di questa ricostruzione - ha concluso- è evidente che il caso Gregoretti si colloca in maniera coerente con quella che era la linea del Governo a sollecitare l'Europa. Con quella di Massari si conclude questa lunghissima udienza preliminare e ne siamo soddisfatti".

La decisone del gup di Catania, Nunzio Sarpietro, sul rinvio a giudizio o sul non luogo a procedere per l'ex Ministro dell'Interno Matteo Salvini, sara’ resa nota il prossimo 14 maggio. "L'ambasciatore ha detto che quello che ho fatto io è stato fatto prima ed è stato fatto dopo.  Anzi noi abbiamo avuto il merito storico di avere svegliato l'Europa. Ci rivedremo il 10 aprile e poi si chiude il 14 maggio. Non faccio pronostici - ha detto dal canto suo Salvini - continuando a ritenere di aver fatto il mio dovere e di avere salvato vite umane". Sarpietro ha infine rigettato la richiesta di audizione come testimone dell’ex presidente dell’Anm Luca Palamara, avanzata da una delle parti civili, AccoglieRete, rappresentata dall’avocato Corrado Giuliano.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento