Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Musumeci: "Voglio più verifiche su chi arriva in Sicilia" | Video

Solo ieri ci sono stati 63 voli nei principali aeroporti, con la verifica della temperatura per 9620 persone. Il governatore sottolinea tuttavia che molti altri arrivano in Sicilia senza un'accurata azione di controllo

 

Vai all'articolo

"Chiederò al governo nazionale di potenziare le attività di controllo sui passeggeri in arrivo in Sicilia, negli aeroporti, nei porti,  nella stazione ferroviaria e nel terminal bus dello Stretto. Le misure fin qui adottate presentano gravi carenze che lasciano alquanto perplessi"
Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, a margine della conferenza stampa che si è tenuta al Palazzo della Regione a Catania sull'emergenza coronavirus e a cui hanno partecipato l'assessore alla Salute Ruggero Razza, il presidente dell'Anci Sicilia Leoluca Orlando e il capo della Protezione civile regionale Calogero Foti. Il governatore ha annunciato che domattina parteciperà al vertice convocato a Roma dal premier Giuseppe Conte, aperto a tutti i presidenti delle Regioni. Al tavolo nazionale, Musumeci porrà anche il tema del danno economico che le imprese siciliane stanno subendo in questi giorni, raccogliendo l'appello lanciato in tal senso dalle organizzazioni di categoria.
"Con il presidente dell'Anci-Sicilia, Leoluca Orlando, abbiamo concordato di fornire a tutti i sindaci dell'Isola le necessarie indicazioni, subito dopo il confronto di domani con il governo nazionale. Al tempo stesso, ritengo necessario un confronto con i prefetti dell'Isola, che penso di incontrare nelle prossime ore. Quanto ad eventuali arrivi di navi con migranti sulle coste siciliane, appare indispensabile - ha precisato il governatore - che l'obbligatorio periodo di quarantena venga effettuato  a bordo, con tutti i necessari controlli sanitari approntati dalle autorità competenti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento