Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le giovani leve dei Cappello-Bonaccorsi facevano affari d'oro con l' "amnesia" | Video

La polizia di Stato etnea ha eseguito 15 provvedimenti di custodia cautelare in carcere ai danni di esponenti della cosca Cappello- Bonaccorsi che avevano costituito una base operativa in piena oasi del Simeto, trafficando in droga e potendo contare su una notevole disponbilità di armi

 

Il gruppo criminale guidato da Salvuccio Lombardo Junior era composto in prevalenza da giovani leve, che avevano creato una sorta di "fortino" presso i villaggi Ippocampo di mare e Campo di mare, a Vaccarizzo, occupando abusivamente alcune abitazioni ed arrichendone altre con lussuosi arredamenti. C'erano poi le vedette a sorvegliare il tutto e delle telecamere che spiavano i movimenti delle forze dell'ordine. Stavano persino provando ad istallarne una davanti la sede della squadra mobile in via Ventimiglia, salvo essere poi scoperti.

Le indagini

Il giovane 27enne Salvuccio Lombardo Junior aveva però dimostrato di non avere la mente particolarmente lucida, sparando ad un gatto che dormiva in strada davanti casa sua e riprendendo la scena con il cellulare per inviarla ai propri amici. Tra i suoi affari più redditizzi c'era il traffico di marijuana, in particolare una qualità nota come "amnesia" per i suoi effetti particolamente forti, che la rendono ricercata dai consumatori abituali. Durante l'operazione "Minecraft", questo il nome dell'operazione eseguita dalla squadra mobile etnea lo scorso 28 gennaio, ne sono stati sequestrati 22 chili in casa di Francesco Cavallaro. Il traffico gestito dal clan era molto redditizio, come dimostrano i 180 mila euro in contanti requisiti dagli agenti di polizia.

I nomi degli arrestati

L'amnseia è una variante genetica della marijuana dall'effetto particolarmente forte, in quanto contiene un elevato tasso di thc. E' di conseguenza più richiesta da una certa fetta di mercato e recentemente sono stati eseguiti sequestri rilevanti anche a Catania. In alcuni casi sono state sequestrate perfino delle partite tagliate con metadone, eroina o altri prodotti minerali come l'acido delle batterie. Ma, in linea di massima, la sua diffusione tra i consumatori è assimilabile a quella dello "skunk" o altre varietà che già circolano da anni nel mercato clandestino etneo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento