Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carcere di piazza Lanza, la protesta dei detenuti: "Non siamo animali"

Nella struttura etnea arriva l'onda lunga delle rivolte che hanno investito altre strutture carcerarie. La protesta per le restrizioni imposte dalle misure di contenimento del coronavirus.

 

Anche a Catania, nella notte, hanno protestato i detenuti del carcere di piazza Lanza. Urla e fuoco appiccato alle lenzuola. "Non siamo animali" hanno gridato. Inoltre hanno dato fuoco a qualcosa e le fiamme si sono intraviste da una finestra del secondo piano della struttura. La contestazione è iniziata poco prima di mezzanotte ed è legata alle restrizioni imposte per il contenimento del Covid-19. E' durata alcune ore ed è rientrata dopo una "mediazione" con la direzione e il capo della polizia penitenziaria dell'istituto. All'esterno del carcere, per precauzione, sono stati schierati polizia e carabinieri e sono state bloccate le vie limitrofe. Sulla vicenda è intervenuto il comitato Reddito-casa-lavoro che afferma di avere registrato il grido d'allarme lanciato da un detenuto "non siamo animali, abbiamo bisogno di cure, stiamo morendo...". "Il rischio di contagio nelle carceri - aggiunge il comitato - in questo momento è altissimo per via del sovraffollamento e condizioni igienico-sanitarie precarie. Il governo non può continuare a minimizzare, le conseguenze potrebbero essere irreversibili. La salute e la sicurezza devono venire prima di tutto, nei penitenziari così come all'esterno delle carceri. Il governo - conclude la nota - deve redigere subito un decreto di amnistia o trasformare in domiciliari le pene i reati minori".

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento