Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coniugi separati, ma solo per il fisco: sequestrati beni per 250 mila euro | VIDEO

Nonostante la variazione delle residenze da parte di due coniugi, formalmente separati, le indagini svolte dai finanzieri hanno fatto rilevare che questi hanno continuato a mantenere un normale rapporto di coniugale: secondo gli inquirenti, sarebbe stato un espediente per non pagare le tasse

 

La finanza ha disposto il sequestro di quattro immobili, del complessivo valore di oltre 250 mila euro, emesso dal tribunale nei confronti dei coniugi Salvatore Falgares, dottore commercialista, e Gabriella Pepe, responsabili del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Nel dicembre 2016, durante un’attività di verifica fiscale eseguita nei confronti della ditta individuale “Brain Consulting di Falgares Salvatore” con sede a Catania, gli investigatori hanno denunciato il commercialista che non aveva esibito la quasi totalità delle fatture attive emesse nell’esercizio della sua attività professionale e, peraltro, non era stato in grado di giustificare i flussi finanziari in entrata sui suoi conti correnti. E' accusato di aver distrutto o occultato 700 fatture di vendita, relative a due anni d’imposta. Falgares era già debitore nei confronti dell’Erario di oltre 250 mila euro tra imposte e sanzioni ed a seguito di un accordo di separazione consensuale, stava trasferendo alla moglie tutti i beni immobili di cui risultava proprietario esclusivo.

La moglie era stata assistita da un avvocato socio dello stesso studio del Falgares e la successiva cessione, avvenuta alcuni mesi dopo, è stata “perfezionata” con la contestuale conclusione di un contratto di comodato d’uso gratuito tra la “neo proprietaria” Pepe e i due professionisti. Nonostante la variazione delle residenze da parte dei due coniugi, formalmente separati, le indagini svolte dai finanzieri hanno fatto rilevare che questi hanno continuato a mantenere un normale rapporto di coniugale, frequentando la stessa abitazione e non i rispettivi luoghi dichiarati come residenza anagrafica.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento