Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Spaccio a Librino, turni "massacranti" per pusher e vedette: si pranza in strada | Video

L'ordinanza di custodia cautelare riguarda venti indagati per associazione a delinquere finalizzata al traffico di marijuana e cocaina e alla detenzione ai fini di spaccio. Tra loro anche un minorenne

 

L'indagine, avviata nel marzo del 2018 dalla squadra mobile di Catania e dal commissariato Librino, si e' incentrata su una delle piazze di spaccio storiche del quartiere: quella di viale San Teodoro, zona chiamata comunemente 'Due Torri'. Secondo gli inquirenti il gruppo "gestiva con regolarita' e costanza lo spaccio di marijuana e di cocaina, con una perfetta distribuzione di compiti tra pusher, vedete e custodi" della droga. Gli indagati avevano anche innalzato dei muri di cinta abusivi attorno ai luoghi di spaccio con l'obiettivo di evitare i controlli della polizia, ricostruendoli dopo un primo abbattimento da parte delle forze dell'ordine. L'operazione e' stata denominata 'Bergen Town' per via del murale dipinto su una parete al centro della piazza di spaccio raffigurante un folletto che fuma marijuana. Sul murale anche una scritta di sfida: "I folletti del palazzo non amano farsi vedere e svanissero come fossero fatti di fumo".

Tra gli aspetti "curiosi" di questa indagine, ci sono le modalità con cui venivano organizzati i turni di spacciatori e vedette.Per assicurare una presenza continua alla clientela, dalle 10 del mattino a notte fonda, i componenti dell'organizzazione consumavano i pasti all'ombra dei palazzoni di viale Moncada, sul loro "luogo di lavoro". Per loro una paga massima di 100 euro al giorno, a fronte di un introito stimato in circa 8 mila euro giornalieri per il clan Arena: in pratica una cessione di droga ogni 40 secondi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento