Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Lega prende piede al Comune di Catania: Candiani accoglie Messina

Alessandro Messina è il nuovo consigliere comunale della Lega a palazzo degli Elefanti. Durante la sua presentazione, si è parlato del processo al leader Matteo Salvini e dei fondi stanziati per "salvare" dal dissesto la città

 

Il responsabile della Lega per la Sicila, Stefano Candiani, è arrivato questa mattina in città per celebrare il passaggio al partito del consigliere comunale Alessandro Messina. L'ex capogruppo di "Diventerà Bellissima" ha indossato la spilletta con l'effige di Alberto da Guissano nella sala Coppola del palazzo di città.

Ad appuntarla sul suo petto è stato il senatore Stefano Candiani, commissario regionale per la Sicilia, che ha fatto riferimento al "salvataggio" di palazzo degli Elefanti dal dissesto finanziario grazie ai fondi "Salva-Catania", stanziati lo scorso giugno. L'emendamento rivendicato dalla Lega, riguarda l'apertura di un fondo da 20 milioni di euro per il 2019 e da 35 milioni annui dal 2020 al 2033 per i comuni metropolitani in difficoltà finanziarie. Tra questi il capoluogo etneo, in dissesto con 1,6 miliardi di euro di debiti. Inevitabile, inoltre, il riferimento alle vicende giudiziarie che coinvolgono l'ex ministro dell'Interno. Dopo il via libera da parte del Senato al processo a Matteo Salvini sul caso Gregoretti, il leader della Lega si prepara infatti ad affrontare il processo che sarà celebrato davanti al tribunale ordinario di Catania.

Dovrà sottoporsi ai tre gradi di giudizio con l'accusa di sequestro di persona, per aver impedito per quattro giorni lo sbarco di 131 persone tratte in salvo nel Mediterraneo dalla nave della Marina Militare. L'ordine del giorno per negare l'autorizzazione a procedere ha avuto 76 voti a favore e 152 contrari. Il Senato ha concesso l'autorizzazione, bocciando l'odg presentato da Forza Italia  e Fratelli d'Italia.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento