Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Catanese convertito all'Islam istigava alla guerra santa | VIDEO

La polizia arrestato un pregiudicato catanese di 32 anni per 'apologia del terrorismo mediante strumenti informatici e per istigazione ad arruolarsi in associazioni terroristiche'. Dopo essersi convertito all'islamismo nel 2011, aveva iniziato a utilizzare i social network per la sua attività di propaganda e di diffusione mediatica. Nei suoi confronti è stata eseguita un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del capoluogo etneo

 

Si era convertito in carcere nel 2011, a Caltagirone, mentre stava scontando una condanna a cinque anni di reclusione per violenza sessuale, il catanese Giuseppe D'Ignoti, arrestato dalla polizia per apologia del terrorismo. Diceva di essere egiziano e di chiamarsi Ahmed e incitava a prendere un fucile o un coltello ed andare ad ammazzare qualcuno ovvero a "fare pulizia a Milano e in Calabria". 

Aveva iniziato una personale campagna sui social netowrk, in particolare su WhatsApp, sollecitando una guerra santa in Italia. Ai partecipanti inviava video ed immagini ritraenti gesta delle milizie dell'Isis, scene cruente di uccisioni e decapitazioni, ed anche i cosiddetti Nasheed, i tipici canti che inneggiano all'Isis ed alla Jihad, fornendo una visione estremistica e radicalizzata della fede religiosa islamica, anche con lo scopo di far osservare rigorosamente alle donne i dettami della religione musulmana.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento