Sabato, 31 Luglio 2021

La Sicilia punta sull'idrogeno per produrre energia pulita

Il ruolo del biometano, dell’idrogeno e dell’agroenergia nella strategia della Regione Siciliana per la transizione energetica sull’Isola, sono stati al centro degli interventi durante la tre giorni che si è svolta alle Ciminiere

La transizione energetica come opportunità per la Sicilia di promuovere modelli di sostenibilità ambientale, potenziando il ricorso alle fonti rinnovabili per puntare alla decarbonizzazione e creare anche nuove opportunità economiche e imprenditoriali. Questo il tema al centro de “Le Energie della Sicilia”, la tre giorni organizzata dal governo Musumeci nell’ambito delle “Giornate dell’Energia 2021”, che si è svolto al Centro fieristico Le Ciminiere di Catania da mercoledì 14 a venerdì 16 luglio. Il presidente della Regione Nello Musumeci ha chiuso i lavori insieme all'assessore all’Energia e ai Servizi di pubblica utilità, Daniela Baglieri.

"Abbiamo tutti i numeri per giocare una partita da protagonisti. Non soltanto perché ci candidiamo ad essere sede di un modello innovativo di ricerca sull’idrogeno, ma anche perché vogliamo fare lavorare le piccole e medie imprese -ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci - che sull’energia si stanno impegnando a fondo e hanno diritto di accedere alle risorse Po-Fesr, così come le grandi aziende. Alle imprese di grandi dimensioni – ha aggiunto il Governatore - chiediamo di cooperare per una crescita razionale di una terra che ha subito tante ingiustizie e che adesso punta a diventare un modello nel Mediterraneo per abbandonare definitivamente la logica delle emergenze. Il tema dell’energia pulita e rinnovabile è una priorità del nostro governo, ma invito tutti i dipartimenti interessati a vigilare contro ogni tentativo di speculazione e di infiltrazione. Su questo non faremo sconti a nessuno".

"In questa tre giorni – ha detto l’assessore all’Energia, Daniela Baglieri – abbiamo costruito sinergie. Abbiamo ascoltato la comunità scientifica, le istituzioni, le imprese e gli operatori del settore per scegliere il mix che ci consente di affrontare la transizione energetica nel rispetto delle specificità dei territori siciliani, secondo criteri di oggettività, intelligenza e giusti equilibri costi/benefici. Isole minori, agrifotovoltaico, biocombustibili ed economia circolare, comunità energetiche e, infine, l’idrogeno, un’opportunità da sfruttare adesso. Stiamo lavorando per semplificare le procedure, ma non abbasseremo il livello di attenzione sulla legalità". "La sfida della transizione energetica – ha aggiunto l’assessore al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro – parte sulla solida base della pianificazione ambientale che il governo della Regione ha finalmente messo in campo dopo quasi trent’anni, a cominciare dal Piano territoriale, dall’istituzione dell’Autorità di bacino, del Piano per la tutela dell’aria, di quello sull’inquinamento acustico, quello per le alluvioni, per le ispezioni delle zone a rischio, senza dimenticare la riforma urbanistica, grazie all’introduzione di concetti quali zero consumo del suolo, circolarità e riuso".

Ieri, durante i lavori della tre giorni di Catania, sull'idrogeno è stato fatto un importante passo avanti verso la definitiva stesura della strategia regionale, varata dal governo Musumeci a gennaio con la candidatura ad ospitare il Centro nazionale di alta tecnologia per l’idrogeno. Un incontro molto partecipato, guidato dal direttore del dipartimento regionale dell’Energia, Antonio Martini e dall’energy manager della Regione, Roberto Sannasardo, che ha coinvolto aziende, esponenti dei ministeri, docenti universitari, grandi operatori del settore come Enel, Eni e Snam, importanti enti di ricerca come Enea e Cnr. Molti dei presenti fanno parte dei 79 soggetti siciliani e nazionali che hanno risposto alla manifestazione di interesse pubblicata dalla Regione Siciliana a marzo. Una prima analisi delle candidature pervenute ha consentito una classificazione dei progetti. In alcuni ambiti fondamentali, come la logistica, la realizzazione degli elettrolizzatori e delle celle a combustibile, esistono già aggregazioni di imprese, centri di ricerca e centri di competenze che consentirebbero di realizzare, già oggi, delle Hydrogen Valley in alcuni luoghi della Sicilia. Le aree più interessate sono quelle dei poli di raffinazione di Priolo, Gela e Milazzo e in genere i distretti produttivi dell’Isola.

Si parla di

Video popolari

La Sicilia punta sull'idrogeno per produrre energia pulita

CataniaToday è in caricamento