Pressione alta: come regolare sale, sodio e potassio

La pressione alta può essere combattuta attraverso alcuni accorgimenti da adottare nella nostra alimentazione

Quello della pressione alta è un problema che riguarda una elevata fetta della popolazione. Esistono, ovviamente, alimenti che favoriscono l’ipertensione ed altri che contribuiscono ad evitarla.

Di seguito ecco alcuni consigli che è possibile seguire per cercare di poter prevenire la pressione alta.

Sale - Secondo l'OMS non deve superare i 5 grammi, ossia un cucchiaino da tè. Normalmente invece un uomo consuma 10 grammi di sale al giorno mentre una donna circa 8.  

Sodio - Ciò che disturba nel sale è il contenuto di sodio, essenziale per il controllo della pressione. Prendendo in considerazione tutte le possibili fonti di sodio (compreso acqua o cibi) il suo consumo non dovrebbe superare gli 1,5 grammi al giorno.

Potassio - Minerale essenziale per l'equilibrio degli elettroliti ed il controllo della pressione. La dose giusta è 3,9 grammi al giorno. In caso di carenza di potassio si modificano gli scambi renali e sale il rischio di ipertensione ed aritmie cardiache. Studi condotti hanno verificato che il 3% della popolazione introduce potassio in giusta quantità, mentre la maggioranza supera di poco la metà della dose raccomandata. La dose corretta di potassio può per esempio essere raggiunta con una alimentazione ricca di frutta e verdura (banane, legumi, patate, funghi, carne fresca, cioccolato). 

Saliera - Per non esagerare con il sale sarebbe preferibile togliere la saliera dalla tavola: in questo modo si ritiene sia possibile eliminare almeno 1 g di sale di troppo al giorno.

Sale nascosto - Spesso il sale si trova all'interno di alimenti insospettabili come biscotti, dolci, cereali per la prima colazione, formaggi spalmabili, fusi o a fetta, verdure in scatola, pane, crackers. Abbonda in salumi, carni, pesce in scatola ed in pasti pronti (prodotti impanati). 

Per capire se stiamo esagerando con la saliera o siamo nei limiti si può fare il test in venti domande sul sito della Società Italiana di Nutrizione Umana (www.sinu.it, nella sezione ‘questionario’), che aiuta a individuare se per esempio dobbiamo limitare il sale nascosto in alcune specifiche categorie di alimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Incidente stradale a Giarre, investito mentre attraversa la strada: muore nella notte

Torna su
CataniaToday è in caricamento