Ruba soldi dalla cassa di centro diagnostico, arrestata dipendente infedele

Il responsabile del centro, da circa una settimana, aveva notato l'ammanco giornaliero di somme di denaro dalle casse dello studio ed ha avvertito i carabinieri

Nel pomeriggio di ieri i carabinieri della stazione di Viagrande hanno tratto in arresto una donna di 58 anni, in fragranza di reato, ritenuta responsabile di furto aggravato consumato all’interno di un noto centro diagnostico di Aci Bonaccorsi. Il responsabile del centro, da circa una settimana, aveva notato l’ammanco giornaliero di somme di denaro dalle casse dello studio, provento dell’attività giornaliera.

Insospettitosi, contattava immediatamente i militari dell’Arma locale che, dopo un’attenta attività di osservazione, hanno sorpreso una dipendente dello stesso centro mentre prelevava 150 euro. La dipendente è stata sottoposta agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di luigi
    luigi

    Fragranza di reato...mmmmmm buono!!!

    • Avatar anonimo di geo
      geo

      luigi sei troppo forteavallaste

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Acireale, cittadini denunciano i baby-spacciatori: blitz della polizia

  • Cronaca

    Festini in chiesa e serate in disco: consegnato dossier su preti gay

  • Cronaca

    Rischio crolli sui cantieri della metro, chieste verifiche sulla sicurezza

  • Cronaca

    Randazzo, si circola a rilento a causa della neve sulla statale 116

I più letti della settimana

  • Ritrovato il bambino di 4 anni rapito da due sconosciuti

  • Maltempo, allerta meteo su Catania: forti piogge, vento e fulmini

  • Cake Star arriva a Catania, in sfida tre pasticcerie: Quaranta, C&G e Privitera

  • Arrestati due romeni per il sequestro lampo di un bambino

  • Zona Porto, bambino di 4 anni rapito: indagano i carabinieri

  • Appalti truccati e corruzione, 8 arresti: in carcere il sindaco di Acireale

Torna su
CataniaToday è in caricamento