Campagna regionale contro la plastica: "Lassapeddiri" sbarca anche a Catania

"#LassalaPeddiri" è una campagna a rete regionale per la difesa del territorio che si pone l’obiettivo di liberare la Sicilia dalla plastica inutile e dannosa

Sbarca anche a Catania la campagna regionale contro l'utilizzo della plastica "LassalaPeddiri- la plastica fa schifo. Presentata ieri presso l’aula 126 del dipartimento di Matematica e informatica dell’Università di Catania, la conferenza ha visto la partecipazione attiva di studenti, professori, ricercatori e associazioni. Un primo e importante momento per approfondire il tema e per mettere in rete esperienze, intelligenze e proposte concrete. "#LassalaPeddiri" è una campagna a rete regionale per la difesa del territorio che si pone l’obiettivo di liberare la Sicilia dalla plastica inutile e dannosa.

"Per fare questo abbiamo stabilito una serie di iniziative di sensibilizzazione e confronto sul tema e lavoreremo con le istituzioni universitarie, amministrazioni comunali e regionali per capire insieme quali pratiche e azioni concrete portare avanti per raggiungere gli obiettivi che ci poniamo", dichiara Giorgia Cappello, dottore di ricerca in matematica e scienze computazionali dell’Università di Catania e portavoce catanese di #Lassalapeddiri.

Nel corso dell'incontro sono uscite diverse idee e proposte fra cui giornate dedicate alla pulizia delle spiagge, incontri con amministrazione comunale e regionale per l'emissione di ordinanze che istituiscano il divieto di utilizzo della plastica monouso. La rete #LassalaPeddiri ha già coinvolto numerosi studenti e associazioni attive su tutta l'isola.

Alla presentazione della campagna hanno preso parte, fra gli altri, le associazioni Fajdda Unione Giovanile Indipendentista, Whole-Urban Regeneration e Cultura&progresso, il Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto e la Consulta Giovanile di Palagonia. Docenti come Laura Saija che insegna Pianificazione Urbanistica all’Università di Catania, Medea Ferrigno vice presidente del Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto e Agatino Pappalardo ingegnere dell’Ufficio ambiente dell’Università di Catania hanno dato importanti contributi tecnici e teorici alla discussione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questo primo appuntamento ci darà la possibilità di allargare ulteriormente la partecipazione a tutte quelle associazioni e comitati che insieme a noi vogliono intraprendere questo percorso la cui importanza si rivela ad oggi vitale. Ciò che sta in ballo è la preservazione della nostra amata terra e la salute di tutti noi", conclude Cappello. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e i furti in abitazioni: undici le persone arrestate

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Amazon annuncia l’apertura di un nuovo deposito di smistamento a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento