Butta il fratello dalla finestra per 350 euro del reddito di cittadinanza

’Inps aveva consegnato loro una sola Carta, accreditando la somma totale spettante ai due

I carabinieri di Acireale hanno tratto in arresto un 43enne del posto per lesioni personali aggravate. Da settimane due fratelli conviventi litigavano per la gestione di 700 euro accreditata da parte dell’Inps nella “Carta di Cittadinanza” intestata al maggiore dei due. Entrambi avevano presentato la domanda poiché disoccupati da tempo ma l’Istituto Nazionale aveva consegnato loro una sola Carta, accreditando la somma totale spettante ai due. Recatisi presso un patronato e all’Inps per chiedere chiarimenti, avevano avuto conferma che quanto percepito era da dividere proprio perché conviventi, ma il fratello titolare del documento non sentiva ragione, ritenendo che l’importo spettasse solo a lui.

Questa situazione era la causa di quotidiani litigi, fino a quando i due, alcune giorni fa, sono arrivati alle mani. Il minore ha spinto l'altro verso una porta finestra, che frantumava il vetro procurandosi diverse lesioni al corpo ed, in particolare, nel collo, a causa di un frammento di vetro. Soccorso immediatamente da un terzo fratello loro convivente, è stato portato in ospedale e ricoverato in prognosi riservata. Il fratello minore, è stato arrestato e, dopo le formalità di rito, tradotto presso il Carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia dei carabinieri, 38 arresti: nuovo colpo al clan Santapaola-Ercolano

  • In manette i "broker" della droga sotto il segno del Malpassotu e dei Santapaola

  • Lido "Le Capannine", armi e stupefacenti nei bungalow: arrestato Salvatore Raciti

  • Blitz antimafia contro Cosa nostra etnea, i nomi degli arrestati

  • Violati i sigilli al laboratorio dell'Etoile d'Or: nuova ispezione e chiusura del bar

  • Mafia dei Nebrodi e i rapporti con i Santapaola: arresti anche a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento