Fisascat - Cisl: "I vigilantes in prima linea senza guanti né mascherine"

Chi fa vigilanza privata non lavora in condizioni di sicurezza e chiede alle istituzione i presidi che, al momento, sono irreperibili sul mercato

In questo periodo così difficile c'è chi, per lavoro, deve stare a contatto con il pubblico per garantire i servizi essenziali. Personale sanitario, negozianti, cassieri, fattorini, dipendenti pubblici e dipendenti della catena dell'alimentare stanno continuando, con il loro lavoro, a tenere in piedi un Paese paralizzato dal coronavirus. Ma c'è anche un'altra categoria di lavoratori, di cui si parla forse troppo poco, che chiede tutele: i vigilantese.

La sigla sindacale Fisascat - Cisl, con il segretario generale Rita Ponzio, e il coordinatore provinciale etneo Giovanni Vitale ha chiesto maggiori garanzie di sicurezza per i lavoratori della vigilanza privata che in questo periodo contribuiscono nella gestione della sicurezza di supermercati sempre più affollati e delle aziende.

"Le guardie giurate e gli addetti ai servizi fiduciari  - spiega Vitale - come tutti sapranno, da sempre sono in prima linea per la tutela dei luoghi dove prestano servizio e di chi ci lavora. Sono persone sempre pronte ad intervenire sul territorio per garantire la sicurezza a servizi privati, aziende, oltre che in luoghi strategici come stazioni, ospedali, porti, aeroporti e altro ancora. Soprattutto in questo momento che stiamo attraversando, fanno da "filtro" evitando o intervenendo in potenziali situazioni problematiche, a tutela del personale sanitario e dei pazienti".

I sindacati evidenziano sia le condizioni di precarietà lavorativa sia la mancanza dei minimi dispositivi di sicurezza, come guanti e mascherine.

"Ci facciamo portavoce - spiegano Ponzio e Vitale - di tutti gli istituti di vigilanza privata di Ct e Prov., aziende e lavoratori, i quali lamentano di essersi ritrovati anche loro come tutti gli altri lavoratori di altri settori, impreparati a fronteggiare una simile emergenza sanitaria. La maggior parte si ritrova a dover lavorare privi di mascherine o con dispositivi non a norma di legge".

"La mancanza non è dovuta per negligenza dell'istituto - proseguono gli esponenti della Fisascat Cisl - in cui lavorano ma di chi dovrebbe fornire i titolari delle aziende tutti gli strumenti necessari a soddisfare le esigenze dei lavoratori. La colpa non è del lavoratore né dell'azienda, ma delle istituzioni preposte. Quante volte in passato si sono verificate aggressioni verso i medici ed i vigilantes? Provatevi ad immaginare un'aggressione verso un vigilantes sprovvisto di guanti e mascherine idonee ad evitare il contagio. Pensate alla paura con la quale possa rientrare a casa nei confronti dei suoi familiari. Sono lavoratori, impegnati anche loro in prima linea in questo momento a fronteggiare l emergenza coronavirus, escono di casa con la stessa paura dei medici, dei cassieri, delle forze dell'ordine, ma devono adempiere il loro dovere in primis come lavoratore e come padri di famiglia che devono guadagnare quel poco per vivere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così i sindacati si appellano alle istituzioni locali affinché si possano avere le adeguate forniture di sicurezza anche per questa categoria di lavoratori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento