Comune e partecipate, il Sindaco scrive ai dipendenti delle aziende

Stancanelli: "Siamo consapevoli di agire nell'interesse collettivo e dei diritti dei lavoratori che noi salvaguardiamo contro quei parolai che invece sfruttano i bisogni della gente onesta per mettersi in bella mostra senza guardare minimamente all'interesse generale"

In merito al riordino del sistema delle partecipate comunali, adottato lunedì sera dal consiglio comunale, il sindaco Raffaele Stancanelli ha inviato una lettera aperta ai dipendenti delle aziende.

 
“Mi rivolgo a voi, prima che alle forze politiche, perché le falsità, le cattiverie gratuite e le inqualificabili strumentalizzazioni che hanno accompagnato e seguito l’adozione di questo indispensabile riordino delle aziende, potrebbero deviare la realtà delle cose visto che la legge ne prevede lo scioglimento entro il 31 dicembre 2013 con relativo licenziamento di tutti i dipendenti, obbligandoci a realizzare il piano nell’esclusivo interesse, presente e futuro, di garantire il vostro posto di lavoro.

Nel tentativo di demolire la nostra azione finalizzata ad aprire a nuove energie aziende da troppi anni impastoiate in beceri meccanismi di assistenzialismo, tante parole inutili, per non dire altro, sono state dette da denigratori in servizio permanente che, credetemi, non vogliono né il bene vostro né quello di Catania. Il nostro intento che, statene certi, porteremo comunque a compimento, è quello di aprire finalmente una fase nuova nelle aziende partecipate comunali che assicuri competitività sul mercato sia sul piano dell’efficienza che su quello della produttività, unici elementi in grado di offrire una prospettiva seria e concreta al vostro lavoro, come del resto accade in altre realtà italiane.

Avremmo potuto anche noi fare finta di niente, girarci dall’altro lato come tanti che ora si stracciano le vesti hanno fatto nel passato e che ora vogliono solo continuare a ingannarvi. Ma così facendo avremmo solo accompagnato verso una lenta agonia aziende in cui operano anche pregevoli professionalità che rendono servizi importanti ai cittadini e che qualcuno voleva rimanessero asservite alle stesse cordate clientelari che hanno fatto accumulare negli anni un debito spaventoso al Comune. Invece con un’assunzione di responsabilità che forse non ha precedenti, dopo quattro anni in cui abbiamo azzerato le costose indennità ed eliminato sprechi, regalìe e assunzioni di favore,  è arrivato il momento di rompere ogni residuo cordone ombelicale con un sistema, come anche richiesto dalla Corte dei conti, che non può reggere alle innovazioni della spending review e del cambiamento di rotta necessario a salvare i posti di lavoro e la vita stessa delle aziende.

La migliore garanzia per giungere a queste finalità è la credibilità in termini di rigore e serietà che ci siamo guadagnati, respingendo ogni tentativo di intromissione di gruppi di potere che volevano ancora fare i propri interessi sulle spalle dei cittadini e dei lavoratori. Forse anche per questa ragione si sono scatenate anche da parte di alcuni consiglieri, prese di posizione contro il sindaco e l’amministrazione, con atteggiamenti non degne di chi deve garantire una responsabile azione di governo.

Ovviamente di questo terremo conto quando dovremo fare ulteriori valutazioni e ancora una volta, quando si tratterà di tenere in conto l’interesse prevalente di Catania e dei suoi cittadini, non faremo sconti a nessuno. Su questa linea continueremo a muoverci, coltivando il patto di lealtà con l’opinione pubblica, le forze sociali, i dipendenti del Comune e delle aziende partecipate che fin dal nostro insediamento abbiamo onorato, consapevoli di agire nell’interesse collettivo e dei diritti dei lavoratori che noi salvaguardiamo contro quei parolai che invece sfruttano i bisogni della gente onesta per mettersi in bella mostra senza guardare minimamente all’interesse generale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo rossa a Catania, scuole chiuse martedì 12 novembre

  • Ferlito, il figlio del boss "perdente" e la 'Ndrangheta: "Il porto di Catania non è buono"

  • Fungo porcino record trovato alle pendici dell'Etna: 4,3 chili

  • Estorsione al titolare di un camion dei panini: cinque arrestati

  • Meteo: in arrivo piogge e raffiche di vento su Catania

  • Bonus facciata 2020: come funziona e come ottenerlo

Torna su
CataniaToday è in caricamento