Confisca beni Scinardo, il nipote: "Questa io la chiamo: la mafia dell'antimafia"

In merito alla confisca di beni eseguita dalla Dia questa mattina, pubblichiamo la nota inviata da Marco Scinardo: "Per la giustizia siciliana, il settore imprenditoriale è tutto in odor di mafia"

In merito alla confisca di beni eseguita dalla Dia questa mattina, pubblichiamo la nota inviata da Marco Scinardo: "Per la giustizia siciliana, il settore imprenditoriale è tutto in odor di mafia. È ormai consuetudine, per la procura siciliana, sottoporre a confisca interi patrimoni appartenenti a umili imprenditori. È inutile seguire l'iter processuale previsto dalla legge utile a dimostrare l'innocenza dell'imputato perché dinanzi ai poteri forti anche la volontà divina si arrende. La lotta alla mafia è diventata ,ormai, uno strumento di potere per far carriera ora in politica ora in magistratura, perché come diceva Sciascia, chi dissente da certi metodi è subito accusato di essere un mafioso o un simpatizzante. Questa io la chiamo: la mafia dell'antimafia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Santapaola-Ercolano, blitz dei carabinieri del Ros: i nomi degli arrestati

  • Aggressione ai poliziotti al "Tondicello", presi gli autori

  • La spartizione dei soldi del clan Santapaola-Ercolano: "C'è u nanu ca tuppulìa"

  • Blitz dei carabinieri del Ros: arresti e sequestro di beni al clan Santapaola-Ercolano

  • Cade lampione su passante mentre allestiscono luci di Natale in via Etnea

  • Inchiesta "Viceré", scarcerato Alberto Caruso esponente del clan Laudani

Torna su
CataniaToday è in caricamento