Gestivano deposito di auto rubate a San Cristoforo, due arresti

Arrestati i gestori di un garage di via delle Ondine, nel quartiere San Cristoforo, dove nel maggio scorso gli agenti scoprirono un deposito di automobili rubate

Due persone, B.R., di 43 anni, e E. S., di 49, sono state arrestate a Catania da agenti della polizia stradale perché ritenute i gestori di un garage di via delle Ondine, nel quartiere San Cristoforo, dove nel maggio scorso gli agenti scoprirono un deposito di automobili rubate ed una officina per il loro smontaggio. Sono accusati di ricettazione di autovetture rubate.

I poliziotti hanno notificato loro una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip Francesca Cercone su richiesta del sostituto procuratore Rosa Cantone. Nel garage i poliziotti trovarono, oltre a numerosi attrezzi, tre auto rubate e parti di veicoli, tra cui nove motori, di auto rubate. Secondo quanto accertato durante le indagini della polizia stradale i due si sarebbero occupati non solamente dello smontaggio ma anche del riciclaggio dei pezzi di ricambio nel mercato illegale non solo nel Catanese ma anche nell'Agrigentino, dove li avrebbero ceduti a rivenditori locali di ricambi d'auto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

Torna su
CataniaToday è in caricamento