Nicolosi, incendia casa della moglie: arrestato 60enne

Si trova ora in carcere per maltrattamenti contro familiari, incendio, crollo di costruzioni o altri disastri dolosi

Un uomo di anni 66 è stato arrestato dai carabinieri di Nicolosi, dopo una serie di violenze messe in atto ai danni della moglie. Si tratta di un ex funzionario dell’Ispettorato di Lavoro di Catania, attualmente in pensione. La donna, dopo un violento litigio avvenuto venerdì 16 novembre, era stata cacciata dalla casa coniugale di Tremestieri Etneo, e per tale ragione si era trasferita a Nicolosi.

Aveva trovato l'abitazione bruciata ed ha denunciato i suoi sospetti sul marito, manifestando forti timori per la sua incolumità fisica. I vigili del fuoco non hanno potuto far altro che constatare l’incendio del villino, completamente distrutto: nel corso del sopralluogo, inoltre, sono state trovate all’interno dell’immobile delle bombole di gas, di cui una con valvola aperta. La villa era stata acquistata anni addietro in comunione di beni: negli ultimi anni c'erano stati diversi casi di maltrattamenti fisici e psicologici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vittima, e successivamente le due figlie, hanno riferito agli inquirenti che l’uomo era ingiustificatamente ossessionato dalla gelosia e dal fatto che la donna potesse intrattenere una presunta relazione extraconiugale. I rapporti con il marito si erano notevolmente incrinati, poiché sempre più perseguitato dall’idea che si fosse allontanata dagli affetti coniugali, in quanto convinto che intrattenesse una relazione esterna, cercando in ogni modo tracce dell’infedeltà coniugale, sottraendole i cellulari allo scopo di carpire dati o messaggi inviati dal suo presunto amante. Si trova ora in carcere per maltrattamenti contro familiari, incendio, crollo di costruzioni o altri disastri dolosi. L’uomo è stato condotto presso la casa circondariale di Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mediterraneo, a perdere la vita un motociclista di 39 anni

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Incidente lungo il viale Mediterraneo: perde la vita un motociclista

  • Operazione "Malupassu", gli imprenditori denunciano e i boss finiscono in manette

  • Spaccio di cocaina, in manette vigile urbano che girava in "Porsche"

Torna su
CataniaToday è in caricamento