Incendio doloso distrugge villa sequestrata ad imprenditore catanese

La villa, in contrada Manfria, era di proprietà di Pietro Biondi, 63 anni di Catania, ritenuto dalla Procura etnea il re del "sistema migranti"

foto archivio

Un incendio di natura dolosa ha distrutto a Gela Villa Daniela, una vecchia struttura alberghiera trasformata quattro anni fa in centro d'accoglienza per i migranti. La villa, in contrada Manfria, era di proprietà di Pietro Biondi, 63 anni di Catania, ritenuto dalla Procura etnea il re del "sistema migranti" che attraverso associazioni e cooperative avrebbe avuto un giro d'affari di 20 milioni di euro.

Villa Daniela, dopo il centro d'accoglienza di Pian del Lago a Caltanissetta, era la seconda struttura più grande nel territorio nisseno. Qui venivano accolti 250 migranti. Nel momento in cui i fondi per l'accoglienza sono diminuiti i migranti sono andati via. La struttura e' stata sequestrata a dicembre nell'ambito di una doppia indagine tra Catania e Gela sulla gestione dei migranti ed e' stata affidata ad un amministratore giudiziario.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Premiate le 14 migliori pizze della Sicilia orientale

  • Dimentica di inserire il freno a mano, muore schiacciata dalla sua auto

  • Cinque arancini gourmet: le ricette della quinta edizione di Chicchi riso e uva di Sicilia

  • Bucato profumato? Come pulire la lavatrice

  • Evade dai domiciliari per andare in discoteca, arrestato 54enne

Torna su
CataniaToday è in caricamento