Sostare, concluse le indagini: coinvolti 16 dipendenti assenteisti

Adesso si dovrà decidere sul rinvio a giudizio. Diversi gli episodi finiti al centro dell'inchiesta. Alcuni dipendenti facevano timbrare i colleghi e non si presentavano al lavoro o uscivano prima della fine del turno

Si sono concluse le indagini nei confronti di 16 dipendenti della Sostare accusati di truffa. I lavoratori della società, partecipata del Comune, che si occupa della gestione delle zone blu avrebbero - secondo le accuse - lasciato il posto di lavoro "dopo aver timbrato il proprio badge attestante l'ingresso in ufficio e senza segnalare l'uscita".

Altre condotte sono finite nel mirino della procura come delle timbrature effettuate al posto di colleghi che nemmeno si sarebbero presentati o che sarebbero andati via prima dell'orario di lavoro stabilito.

Così facendo avrebbero beneficiato di una retribuzione che non corrispondeva alle ore effettivamente lavorate. L'inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore Andrea Norzi del dipartimento reati contro il patrimonio e l'economia coordinato dall'aggiunto Ignazio Fonzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono state eseguite dalla polizia municipale, diretta da Stefano Sorbino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mario Rapisardi, scontro tra un camion e un'auto: morta una donna

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Misure anti-COVID innovative: saranno i distributori di benzina a sorprendervi

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

Torna su
CataniaToday è in caricamento