Tossico minaccia l'ex convivente: "Dammi l'anello o ti brucio la macchina"

Dopo la separazione ha iniziato a perseguitare la ex pretendendo dei soldi e, in alcuni frangenti, percuotendola dinanzi ai bambini ed al padre della ragazza

I carabinieridi Misterbianco hanno arrestato nella flagranza un 23enne del posto, ritenuto responsabile di tentata estorsione e atti persecutori, reato commesso nei confronti della ex convivente di 21 anni. Dopo una storia d’amore durata circa cinque anni, dalla quale erano nati due bambini oggi di 2 e 3 anni,a causa l’uso smodato di sostanze stupefacenti da parte del giovane misterbianchese e la diretta conseguenza dello sperpero del poco denaro a disposizione, i due vivevano in una casa dei genitori di lei e con il loro sostentamento la ragazza, soprattutto per preservare i figlioletti, ha dovuto interrompere la convivenza. Lui, senza lavoro, ha iniziato a perseguitare la ex pretendendo dei soldi e, in alcuni frangenti, percuotendola dinanzi ai bambini ed al padre della ragazza che, accorso in difesa della figlia, era venuto alle mani con l’aggressore. Circostanze che hanno costretto la ragazza a presentarsi dai carabinieri per denunciare l’ex convivente. Nemmeno il tempo per i militari di comunicare la denuncia che, il giovane si è ripresentato sotto casa della vittima pretendendo a gran voce la restituzione dell’anello di fidanzamento e dicendo: "se non mi date i soldi ti brucio la macchina…te la distruggo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed ancora:  "Ti ammazzo e se ti vedo con un altro ti stacco la testa e gliela faccio trovare sul comodino. Tu devi stare solo con me e con nessuno altro. Il provvidenziale intervento sul posto dei carabinieri, avvertiti telefonicamente dai genitori della ragazza, ha evitato ulteriori conseguenze e consentito di bloccare e ammanettare l’esagitato, rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

Torna su
CataniaToday è in caricamento