Strage di Dacca, ritorna stasera in Italia la salma di Adele Puglisi

Il corpo della 54enne catanese uccisa durante l'agguato terroristico in Bangladesh fa ritorno in Italia, a Roma stasera insieme alle altre vittime

Adele amava il mare, il sole e girare il mondo, scoprire luoghi e culture nuove. Ad suggerirlo sono proprio le foto sul profilo facebook della 54enne catanese uccisa durante la strage di Dacca venerdì scorso. La manager, che si occupava di controllo qualità per l'azienda Artsana. viveva in Bangladesh da tempo, ma sarebbe tornata in Sicilia sabato. Il suo corpo invece, insieme alle altre vittime dell'attentato, rientrerà stasera all'aeroporto di Ciampino, a Roma. Al momento non si sa nient'altro sui funerali di stato e sul possibile rientro della salma della donna in Sicilia.

La aspettavano per riabbracciarla, dopo mesi di assenza, i fratelli Matteo e Costantino. Adele avrebbe dovuto raggiungerli a Punta Secca per alcuni giorni di vacanza nella casa di famiglia, prima però aveva deciso di cenare insieme a Nadia Benedetti, l'amica con la quale si trovava nel ristorante preso di mira dai terroristi. Alla notizia il fratello Matteo è stato colto da un malore.

Adele Puglisi aveva avviato on line una protesta con tanto di petizione per il titolo usato da Belpietro nel raccontare la strage di Parigi. Quel "bastardi islamici" sulla prima pagina di Libero le era sembrato razzista ed offensivo, proprio a lei che di amici mulsumani ne aveva tanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia dei carabinieri, 38 arresti: nuovo colpo al clan Santapaola-Ercolano

  • In manette i "broker" della droga sotto il segno del Malpassotu e dei Santapaola

  • Blitz antimafia contro Cosa nostra etnea, i nomi degli arrestati

  • Mafia dei Nebrodi e i rapporti con i Santapaola: arresti anche a Catania

  • Violati i sigilli al laboratorio dell'Etoile d'Or: nuova ispezione e chiusura del bar

  • Blatte e sporcizia nel laboratorio del bar "Etoile d'Or" di via Dusmet

Torna su
CataniaToday è in caricamento