"Università bandita", indagati anche l'ex sindaco Bianco e Licandro

Come rivela il quotidiano La Sicilia ci sarebbero altri 14 avvisi di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sull'ateneo di Catania

Anche l'ex sindaco Enzo Bianco e l'ex assessore Orazio Licandro sarebbero finiti dentro l'inchiesta "Università Bandita". A darne notizia in anteprima è il quotidiano La Sicilia che rivela un secondo step dell'indagine che ha portato all'emissione di altri 14 indagati che si vanno ad aggiungere ai 66 tra docenti, rettori e personale amministrativo.

Adesso c'è anche la politica all'interno dell'inchiesta. Per i 14 indagati le accuse sono, a vario titolo, di associazione a delinquere, corruzione per l'esercizio della funzione, induzione indebita a dare o promettere utilità, falsità ideologia e materiale, abuso d'ufficio e truffa aggravata nonché turbata libertà di scelta del contraente.

Suriano (M5S): "Avevamo denunciato: sospetti su concorso di Licandro"

A finire nel mirino degli inquirenti sarebbe anche la procedura concorsuale bandita dall'ateneo catanese e vinta dall'unico candidato: il professore di diritto romano Orazio Licandro. Sul procedimento ci sarebbero state le "interferenze" della politica, in particolare dell'ex primo cittadino.

I nuovi avvisi di garanzia sono stati notificati anche alla direttrice del Dipartimento di Scienze umanistiche Marina Paino, al direttore - ora in pensione - del Dipartimento di Fisica e astronomia Valerio Pirronello, all'ordinario di Filosofia politica nel Dipartimento di Scienze politiche e sociali Luigi Caranti. Inoltre risultano indagati l'ordinario di Geografia economico politica nel Dipartimento di Economia e impresa Caterina Cirelli, l'ordinario di Economia aziendale nel Dipartimento di Economia e impresa Rosa Alba Miraglia, l'ordinario di Scienze tecniche mediche applicate del Dipartimento Chirurgia generale e specialità medico chirurgiche Giovanni Pennisi, l'associato di Storia della filosofia e presidente della Struttura didattica speciale di Lingue e letterature straniere dell'Ateneo Santo Burgio, l'associato di Igiene generale e applicata nel Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e tecnologie avanzate Margherita Ferrante. Tra i nuovi indagati anche l'associato del Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali Venera Ferrito, l'associato del Dipartimento di Botanica e responsabile scientifico dell'Orto botanico di Catania Gianpietro Giusso del Galdo, l'associato di Anatomia nel Dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche Giuseppe Musumeci e l'associato di Geografia Salvatore Torre.

La nota di Enzo Bianco

 "Mi fa piacere che la Magistratura catanese abbia deciso di prolungare le indagini su una vicenda del Dipartimento di Scienze umanistiche - dichiara l'ex Sindaco di Catania -Sono sicuro che al termine di questo approfondimento sarà dimostrata la piena legittimità del mio comportamento. Si sta parlando di un Professore di Storia del Diritto Romano, già Ordinario da molti anni,con una serie di pubblicazioni riconosciute a livello internazionale. E di una procedura, che a me pare pienamente legittima, rispetto alla quale non ho ovviamente alcuna competenza. Ho piena fiducia che approfondite indagini confermeranno quanto ho affermato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Librino, in 40 aggrediscono due agenti che tentavano di fermare una moto senza targa

  • Tentato omicidio a Palagonia, coltellate e spari dopo una lite: un ferito

  • Rientra e trova armi e oltre 6 chili di hashish nel suo deposito

  • "Gli italiani scelgono Catania per il Natale 2019 e il Capodanno 2020"

  • Agenti aggrediti a Librino, arrestato un diciottenne

  • Sequestro di beni all'ex reggente degli Ercolano: nel mirino anche il garage di via Cimarosa

Torna su
CataniaToday è in caricamento