Zona industriale, tra abbandono e degrado: la denuncia della Confcommercio

Non ottimali le condizioni in cui versa. Conta in tutto oltre 400 aziende, più di 2.000 posti di lavoro e un indotto che supera le 10.000 unità. "Il problema principale è trovare l'interlocutore - attacca Pietro Agen

La Confcommercio provinciale punta il dito sulla situazione di abbandono e degrado in cui versa la zona industriale.

"Il problema principale è trovare l'interlocutore - attacca Pietro Agen, presidente di Confcommercio Sicilia - Da quando si sono volute chiudere le ASI, provvedimento che non è piaciuto a nessuna associazione di categoria, l'IRSAP, l'istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, che comunque non mi sento di criticare, non è riuscito a portare avanti nessuna politica di gestione perché è stato commissariato, lasciando nel limbo dell'attesa le oltre 400 aziende del territorio, che intanto continuano a lavorare in condizioni devastanti".

Il rappresentante delle imprese della zona industriale, Fabio Impellizzeri, ha focalizzato l'attenzione sulle carenze strutturali dell'intera zona, una su tutte la manutenzione dei canali di scolo.

"Nessuno dimentica i danni causati nel marzo del 2012 dall'esondazione dei canali che raccolgono le acque piovane perché non ripuliti dai detriti di colture boschive - racconta Impellizzeri - Danni calcolati in oltre mezzo milione di euro. E' andata meglio quest'anno grazie al contributo gratuito dell'azienda Ecoin che ha eseguito i lavori di manutenzione insieme al consorzio ASI, evitando la catastrofe dell'anno precedente. Ma i canali dietro la tangenziale, a nord ovest della zona industriale, sono a carico dei consorzi di bonifica, così l'area resta terra di nessuno, l'intreccio di competenze la rende ingestibile. Al Comune dovrebbe spettare la raccolta dei rifiuti, visto che paghiamo la Tarsu, e servizi come la manutenzione del verde, l'illuminazione pubblica, la conservazione delle strade; di competenza regionale dovrebbe essere la gestione delle acque potabili, le opere di urbanizzazione come rete fognaria e idrica, e naturalmente la pulizia dei canali".

La zona industriale conta in tutto oltre 400 aziende, più di 2.000 posti di lavoro e un indotto che supera le 10.000 unità. Un sacrosanto diritto, quindi, pretendere condizioni di lavoro migliori 

"Catania è stata dimenticata negli ultimi stanziamenti previsti per le aree industriali - precisa Agen - Auspichiamo un risveglio della politica perché Confcommercio difende gli imprenditori ma il governo locale deve difendere il territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' necessaria un'unica cabina di regia per impedire che le emergenze diventino disastri. Si deve creare una struttura che vada incontro alle esigenze degli operatori della zona industriale. Gli imprenditori sono pronti a fare rete e disposti a unirsi in liberi consorzi autogestiti per la gestione delle problematiche purchè gli si diano gli strumenti. Per esempio l'impiego dei forestali, invece di cercare finanziamenti e risorse, potrebbe essere un'idea".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Sono uscito per vendere droga", lo dichiara nell'autocertificazione: arrestato

  • Coronavirus, l'avanzata resta costante: in Sicilia 73 nuovi casi, a Catania +30

  • "A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

  • Coronavirus, al Garibaldi già dieci guariti con la terapia "combinata"

  • Coronavirus, frenata dei contagi in Sicilia con +71 rispetto a ieri: a Catania solo +3

  • I casi positivi nella provincia di Catania sono 453 ( + 48): aumentano i ricoverati

Torna su
CataniaToday è in caricamento