Università, al via collaborazione con agenzie per il lavoro

Dopo la recente stipula della convenzione biennale con il ministero del Lavoro, Catania apre le porte alle Agenzie per il lavoro che hanno sede in Sicilia

È stato presentato presso l’Ateneo di Catania, il progetto di collaborazione fra Università e Agenzie per il lavoro, nato dopo la recente stipula della convenzione biennale con il ministero del Lavoro, L’intesa – che prevede in particolare lo scambio reciproco di informazioni – permetterà di valutare la compatibilità fra le competenze dei ragazzi e quelle richieste da enti e aziende, potenziando l’inserimento lavorativo.

È toccato a Giovanni Chiabrera, responsabile del Progetto Fixo di Italia Lavoro, illustrare le linee- guida del progetto. “L’obiettivo fondamentale - ha spiegato Chiabrera - è la pubblicazione dei curricula degli studenti e dei laureati a favore delle imprese e delle agenzie di intermediazione. Questo per accorciare i tempi di ricerca del lavoro che, al Sud, raggiungono punte drammatiche". "Le maggiori difficoltà dei ragazzi- ha continuato Chiabrera- nascono dalla poca trasparenza del mercato del lavoro. Ancora troppe assunzioni avvengono per conoscenza personale, mentre questo sistema dovrebbe essere superato dalla valutazione delle competenze. Al Sud poi c’è anche il problema della mobilità, dovendosi spostare a Nord del Paese, o addirittura all’estero, per trovare un’occupazione. È proprio vero quel che si dice: cercare lavoro è un lavoro, e bisogna essere preparati”.

Carmelo Pappalardo, direttore del Centro Orientamento e Formazione del Ateneo di Catania, si è soffermato sull’utilità dell’orientamento (sia all’ingresso dell’università, sia durante gli studi) per evitare il fenomeno degli abbandoni. Il COF, infatti, offre da tempo un servizio di “placement”, per fornire un aiuto ai neolaureati (e alle aziende) mettendoli in contatto fra loro. “Già nel primo semestre del 2011 – ha dichiarato Cristina Cascone, che si occupa del servizio – il numero di stage e tirocini promossi dalla nostra Università, ha superato quello del 2010. La collaborazione avviata, oggi, con le Agenzie per il lavoro non potrà che migliorare la situazione”.

Soddisfazione per l’accordo è stata espressa dal rettore dell’Università di Catania Antonino Recca e dal direttore amministrativo Lucio Maggio.

"Una delle priorità della nostra amministrazione – ha spiegato il rettore Recca è proprio quella di aiutare i nostri giovani ad entrare nel mondo del lavoro. Per questo stiamo mettendo in campo iniziative per monitorare le dinamiche occupazionali dei laureati catanesi, pianificare e realizzare interventi concreti (orientamento, formazione, tirocini, informazione, anche tramite mezzi di comunicazione digitale) in grado di supportarli efficacemente nella delicata transizione dalle aule universitarie al mondo del lavoro, anche attraverso strumenti multimediali all’avanguardia che agevolino l’inserimento degli inoccupati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È un’iniziativa al momento unica in Italia – ha concluso Maggioe siamo ben felici di fare da apripista alle altre città, che immaginiamo seguiranno il nostro esempio. Siamo sicuri che dalla creazione di questa rete con le agenzie del lavoro arriveranno risultati concreti per i nostri giovani”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mario Rapisardi, scontro tra un camion e un'auto: morta una donna

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento