Agevolazioni fiscali per studenti fuori sede: tutto quello che c'è da sapere

Coloro che decidono di andare a studiare in un comune diverso da quello di residenza possono godere di diverse agevolazioni, sia di carattere fiscale che non fiscale

Cercare di dare un'istruzione adeguata al proprio figlio o assecondarlo nelle proprie inclinazioni per fornirgli maggiori chances di entrare a far parte del mondo del lavoro è una delle priorità di ogni genitore.

Per questo motivo, per coloro che vogliono frequentare un corso di laurea non presente nel proprio territorio o per coloro che per inseguire un sogno scelgono una università diversa, c'è la necessità di diventare uno 'studente fuori sede'.

Lo Stato, nei confronti di questa categoria, prevede diverse forme di agevolazioni dal punto di vista fiscale. La principale riguarda la possibilità di poter detrarre dalla propria dichiarazione dei redditi il 19% della spesa per gli affitti. 

Detrazione fiscale sui contratti di locazione per studenti universitari - Requisiti 

- per giovani si intendono coloro che hanno tra i 20 ed i 30 anni;
- l'Ateneo presso il quale devono essere iscritti deve essere ad almeno 100 km di distanza da quello della residenza legale;
- il beneficio spetta per i primi 3 anni e solo a condizione che l'immobile locato sia diverso all'abitazione principale dei genitori o di coloro cui sono affidati;
- le detrazioni sono di due tipi: € 300,00 per redditi inferiori a € 15.493,71 ed € 150,00 per redditi inferiori a € 30.987,41;
- il giovane deve essere intestatario del contratto come previsto dall'art. 15 del Tuir:

Contratti convenzionali - Altro caso di detrazione fiscale

Se ad essere intestatari del contratto di locazione sono i genitori e quest'ultimo è stato stipulato sulla base di accordi intercorsi con le organizzazioni dei conduttori maggiormente rappresentative a livello nazionale la detrazione spetterà comunque, ma varierà anche qui in base al reddito complessivo annuo:
- € 495,80, se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro;
- € 247,90, se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro ma non a 30.987,41 euro;

Lo sconto Irpef sui canoni di locazione vale anche per gli studenti “fuori sede” iscritti in una università estera per intederci, con sede presso uno Stato Ue o in uno dei Paesi aderenti all’Accordo sullo spazio economico europeo. Ed anche per coloro che alloggiano presso pensioni o strutture di altro tipo o per coloro che stanno frequentando dei corsi post-laurea (dottorati o simili). La detrazione vale il 19% del costo sostenuto nell’anno di imposta su un importo massimo di € 2.633 euro.

E.R.S.U. Università di Catania - Tutto quello che c'è da sapere

Gli Enti Regionali per il Diritto allo Studio Universitario (E. R. S. U.), creati con legge regionale n. 20/2002 si occupano dell’erogazione di servizi agli studenti in attuazione del diritto allo studio sancito dall’art. 34 della Costituzione. Hanno l'obiettivo di contribuire al potenziamento e alla diffusione degli studi universitari, rimuovendo gli ostacoli di ordine economico per consentire ai capaci e meritevoli di raggiungere i gradi più alti degli studi.

Borse di studio

Sono concesse forme di esonero totale o parziale di tasse e contributi d’iscrizione agli studenti che risultano vincitori o idonei alla borsa di studio. L’importo, parte in denaro e parte in servizi, varia a seconda della fascia di reddito. La Borsa di Studio, infatti, oltre al contributo monetario, dà diritto all’esenzione (totale o parziale) dalle tasse universitarie secondo quanto disposto dalle segreterie universitarie, al servizio abitativo e al servizio di ristorazione.

Trasporti extraurbani

Alcune università, ateneo di Catania compreso, rimborsano i costi sostenuti dagli studenti per l’acquisto di abbonamenti extraurbani necessari per raggiungere la sede degli studi dal luogo di residenza con mezzi di trasporto pubblico.

Residenze universitarie

L’ERSU mette a disposizione degli studenti fuori sede i posti alloggio presso le Residenze Universitarie, al fine di agevolare la frequenza dei corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica a ciclo unico o specialistica biennale, presso l’Università degli Studi di Catania o presso altre Scuole o Istituti che rilasciano titoli equivalenti alla laurea o alla laurea specialistica.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come diventare fisioterapista

Torna su
CataniaToday è in caricamento