Rifiuti: consiglio approva, Cantarella: "Ora cambio di passo"

Con una maggioranza stringata il civico consesso ha approvato l’affidamento, con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, del servizio di raccolta rifiuti. Adesso si attende la pubblicazione della gara

Dopo una seduta "a vuoto" per la mancanza del numero legale e dopo qualche tensione tra l'amministrazione e l'opposizione l'atto è stato approvato, seppur con una maggioranza stringata. Infatti il consiglio comunale ha approvato l'affidamento, attraverso una gara che dividerà la città in 4 macro lotti, del servizio di raccolta rifiuti.

Adesso con l'imprimatur del consiglio che ha in un certo qual modo "prenotato" i capitoli di spesa per i bilanci successivi (visto che il bando coprirà un periodo di tempo di sette anni) si ha la piena autorizzazione per avviare le procedure di gara.

Mancava soltanto questo tassello su cui i consiglieri, come chiesto dall'Urega, sono stati chiamati a votare per assumere l'impegno di spesa "con carattere di urgenza".

Opposizioni di centro sinistra e grillini non erano presenti in aula al momento del voto e sono stati 15 i consiglieri a votare l'atto (Castiglione, Saglimbene, Curia, Anastasi, Barresi, Bosco, Campisi, Giuffrida, Grasso Orazio, Parisi, Penna, Pettinato, Rotella, Sangiorgio, Scuderi), con due astensioni che comunque hanno permesso di tenere in piedi il numero legale.

Al termine della seduta l'assessore all'Ecologia Fabio Cantarella è sollevato ed è un fiume in piena dopo l'approvazione dell'atto: "Ringrazio i consiglieri presenti che hanno votato. Con questo voto si dà il via a un cambio di passo importante dopo un anno di sofferenza. Abbiamo ereditato un bando vergognoso e inefficace e  abbiamo fatto nuova gara che eliminerà tante criticità. Adesso il direttore sta predisponendo gli atti e la pubblicazione dovrebbe avvenire a breve. Abbiamo recepito tutte le indicazioni dell'Anac seguendo trasparenza e legalità".

Poi l'assessore attacca gli assenti del M5S: "C'é chi non ha avuto il coraggio e la responsabilità di votare delibere così importanti come il Movimento cinque stelle: gli stessi che fanno fare interrogazioni parlamentari sui rifiuti, mostre sulla immondizia e poi quando c'è un atto utile per cambiare il sistema non ci sono. O il loro modello è Roma che è fallimentare? Abbiamo votato un atto che dà il via al porta a porta totale in tutta la città, che ci consente di togliere i cassonetti e avviare la differenziata a Catania eliminando le criticità del vecchio bando".

"Era una grande occasione - continua all'attacco l'assessore - ma qualcuno non si è voluto assumere la responsabilità. Inutile mostrare le discariche se poi non ci si assume la responsabilità e non si ha coraggio di fare le scelte però qualcuno è bravo ad andare sui giornali. Questo atto non poteva essere diverso: doveva autorizzare la spesa perché impegna bilanci successivi, un atto che doveva votare espressamente il consiglio. Un atto obbligato che non entra nel merito delle modalità di gara. Da domani in poi nessuna ipocrisia: ricorderò a chi si lamenta che si è avuta l'occasione per votare un atto che cambia il sistema e che intende diminuire i costi dei rifiuti per i cittadini".

Adesso si dovranno attendere i tempi di gara e nel frattempo verrà predisposta una proroga nei confronti dell'azienda che attualmente gestisce il servizio per 130 giorni. Qualora le procedure di gara e di assegnazione dovessero concludersi prima, le ditte vincenti (la gara è suddivisa in 4 lotti, ogni ditta non può avere assegnati più di  2 lotti) subentrerebbero immediatamente cessando così la proroga. Tante le novità con l'eliminazione dei cassonetti di prossimità, il porta a porta esteso in tutta la città e migliori sistemi di monitoraggio e controllo per un bando settennale del valore di circa 350 milioni di euro. I cittadini attendono una città più pulita e vivibile anche a fronte delle tasse sui rifiuti alle stelle. Alle stelle per chi paga ovviamente, vista l'altissima evasione del tributo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Reddito di cittadinanza e falsa disoccupazione: indagata la neomelodica Agata Arena

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

Torna su
CataniaToday è in caricamento