Beach Soccer, Canalicchio esce con le ossa rotte dalla sfida contro il Barletta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Arriva ancora una sconfitta per il Canalicchio beach soccer nel campionato di Serie A nella seconda tappa di Catanzaro. Gli uomini allenati da mister Mario Giuffrida cedono per 5-4 al Barletta BS, alla fine di una gara decisamente sfortunata per gli etnei. Arriva così anche la quasi certa retrocessione dal campionato della massima serie.

Il match comincia subito bene per gli etnei che trovano il gol al 9’ con una grande conclusione del cinese Wan Chao, poco dopo esattamente al 11’, il solito Alessandro Randis realizza il gol del raddoppio ma allo scadere del primo tempo il top player dei pugliesi Di Lorenzo accorcia le distanze al 12’, rilanciando i suoi. Nel secondo tempo il Canalicchio ha la possibilità di gestire il vantaggio ma al 4’st Colella realizza il gol del pareggio; mister Giuffrida prova nuovi accorgimenti tattici e il giovane Fabio Mongelli insacca alle spalle di Di Candia al 5’st, ma il Barletta non ci sta ed è sempre Di Lorenzo ha realizzare il gol del pari, con una conclusione acrobatica al 6’st, dopo alcuni minuti di gioco singhiozzante a causa di qualche fallo che costringe il direttore di gara ad interrompere ripetutamente il match, il giovane portiere etneo Giovanni Nicotra tira dalla propria porta realizzando un gol all’8’st che strappa gli applausi di tutta l’arena. Il secondo tempo si chiude sul 4-3 per gli etnei, con il Barletta che non getta la spugna, al 9’tt arriva il pareggio di Di Giorgio e nel finale arriva la beffa per gli etnei, a cinque secondi dalla fine infatti, il direttore di gara, il sig. Andrea Marton di Mestre, concede un calcio di rigore al Barletta per un discutibile fallo di Giuseppe Fazio su Di Lorenzo, che realizza al 12’tt piazzando la palla alle spalle di Caruso.

Tanta amarezza alla fine del match, dove è emersa la rabbia e la consapevolezza che gli elementi della squadra non rispecchiano l’attuale ultimo posto in classifica. Nel post partita, l’attaccante Alessandro Randis sottolinea tutto il suo dispiacere: “Dispiace perdere così, abbiamo giocato meglio rispetto alle prime due partite e non meritavamo la sconfitta, purtroppo il beach soccer è questo, basta solo un piccolo errore per vanificare l’intera prestazione della partita, ciò può solo farci crescere e renderci più forti per il futuro, siamo un bel gruppo e la posizione in classifica non rispecchia quanto fino ad oggi abbiamo dimostrato sul campo”.

Torna su
CataniaToday è in caricamento