Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fine dell'odissea per tutti i migranti a bordo della Diciotti | VIDEO

E' iniziato intorno alla mezzanotte lo sbarco di tutti i 137 migranti dalla nave Diciotti, dopo cinque giorni trascorsi sul pattugliatore della guardia costiera ormeggiato nel molo di Levante del porto di Catania

 

I primi a scendere sono stati 12 giovanissimi, che sono stati presi in consegna da personale della Croce Rossa italiana. Dopo l'identificazione sono stati trasferiti con dei bus nell'hot-spot di Messina in attesa della successiva distribuzione tra Chiesa Italiana, un centinaio, Albania e Irlanda, una ventina ciascuno.

L'odissea della nave "Diciotti", ha avuto inizio il 20 agosto. A bordo 177 migranti rimasti in rada a Lampedusa per cinque giorni. Dopo i numerosi appelli anche al capo dello Stato Sergio Mattarella perché intervenisse per superare il braccio di ferro tra Italia e Malta, l'imbarcazione ha fatto rotta verso la Sicilia. Sul molo Levante del porto di Catania, la nave Diciotti è rimasta ormeggiata una settimana con i migranti a bordo. 

Dopo numerose proteste da parte di associazioni antirazziste, la visita di politici e la presenza di comuni cittadini, la svolta è arrivata quando l'ufficio di Sanità marittima di Catania ha ordinato lo sbarco immediato di 17 profughi - undici donne e sei uomini alcuni dei quali affetti da polmonite e tubercolosi - bisognosi di assistenza medica.

Inizialmente, però. a scendere dalla Diciotti sono stati in 13: quattro giovani donne hanno preferito restare a bordo per non separarsi dai mariti. Ai mediatori culturali e ai medici che le hanno visitate le 11 profughe hanno raccontato le violenze e gli abusi subiti nei campi profughi della Libia: storie drammatiche denunciate nei giorni scorsi anche da diversi politici saliti a bordo dell'imbarcazione.

Ministro Salvini indagato

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini è indagato dalla Procura di Agrigento per sequestro di persona, abuso d'ufficio e arresto illegale. Indagato anche il capo di Gabinetto del Viminale. Secondo i magistrati, avrebbero privato illegalmente della libertà personale i profughi soccorsi dalla nave Diciotti a cui, da giorni, è vietato scendere dall'imbarcazione ormeggiata nel porto di Catania.

"Vergogna", il commento a caldo del leader della Lega, parlando dalla festa della Lega di Pinzolo. "Indagano un ministro che difende i confini del Paese. Non ci fermeranno".

Scontri tra polizia e manifestanti

Nel pomeriggio di sabato la polizia ha impedito un tentativo di sfondamento effettuato dai manifestanti che contestano il blocco dei migranti su nave Diciotti a Catania. C'è stato uno scontro con le forze dell'ordine per evitare lo 'sfondamento', e un poliziotto è rimasto ferito. L'agente è stato soccorso dai suoi colleghi e portato in un cellulare della polizia di stato per le prime cure. Una decina di giovani con salvagenti e tavolette si sono lanciati a mare nel tentativo di raggiungere il pattugliatore della Guardia Costiera gridando 'libertà, libertà'. Tre manifestanti, due ragazzi e una ragazza, sono rimasti feriti nei contatti avuti con le forze dell'ordine rende noto la rete antirazzista che aveva organizzato l'iniziativa.

Sbarcano tutti i migranti della Diciotti, scontri al Porto: feriti anche 3 manifestanti

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento