Paternò: ragazzo "sequestrato" con la sua auto da due coetanei

Un ragazzo è stato "sequestrato" con la sua auto da due malviventi di Paternò - che conosceva superficialmente- e costretto a gironzolare e a subire le loro minacce: i due sono stati arrestati per con l'accusa è di estorsione in concorso

Nel primo pomeriggio di venerdi scorso, un ragazzo è stato "sequestrato" con la sua auto da due malviventi di Paternò - che conosceva superficialmente- e costretto a gironzolare e a subire le loro minacce. I due aguzzini, infatti, sono saliti nell'auto della vittima con la scusa di voler essere accompagnati a comprare le sigarette. A seguire, le minacce: gli fanno credere di avere una pistola e lo costringono a fare da autista per diverse ore.

Poi, lo lasciano andare e il malcapitato si presenta ai militari dell'Arma per denunciare l'accaduto. L'accusa è di estorsione in concorso, anche se non c'è stata alcuna estorsione di denaro o altro. I due paternesi, di 24 e 21 anni, sono stati arrestati: il magistrato ha ritenuto il loro comportamento più grave della semplice violenza privata.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Dimentica di inserire il freno a mano, muore schiacciata dalla sua auto

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

Torna su
CataniaToday è in caricamento