Sede scout vandalizzata, la solidarietà di Italia Viva

La senatrice Sudano e il deputato De Barba hanno espresso vicinanza

"Siamo all'ennesimo atto vigliacco contro l'Agesci Sicilia, dopo i casi di Marsala e Mineo, infatti alcuni ignoti hanno devastato la sede del gruppo a Ramacca. Voglio esprimere la mia solidarietà e la mia vicinanza ai ragazzi. Sono certa che le forze dell'ordine rintracceranno i responsabili di tutti gli atti intimidatori e invito tutti ad aderire all’iniziativa di raccolta fondi a favore delle sedi scout vandalizzate #piubellediprima".   

Lo afferma la senatrice di Italia Viva e membro della Commissione nazionale antimafia, Valeria Sudano, dopo l'atto di vandalismo subito dal gruppo “Ramacca 1”.

“Chiedo al prefetto - conclude la senatrice - di dedicare un Comitato per l’ordine e la sicurezza su questi due atti che hanno colpito i due immobili dell’Agesci in provincia di Catania così da poter affrontare nel modo più celere possibile l’allarme che giustamente si sta generando nel mondo scout”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Solidarietà anche  da Mauro De Barba, deputato di Italia Viva con un passato da capo scout, alla notizia della devastazione della sede nel catanese: "Di qualunque matrice sia questo gesto vigliacco, le ragazze e i ragazzi dell’Agesci non si abbatteranno. Sapranno trovare il sorriso che li contraddistingue nelle difficoltà, per ricostruire la propria sede e - sottolinea - ribadire la propria presenza educativa in un territorio difficile, continuando a dare valore e una nuova vita a beni confiscati dalla mafia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento