Sospeso lo sciopero della fame dei 24 disabili, gravi tre di loro

Tra i malati che hanno interrotto la nutrizione anche Salvatore Crisafulli, il catanese 46enne che dal 2003 è immobile a letto a causa di un incidente stradale

Lo sciopero della fame dei 24 disabili siciliani, iniziato lo scorso mese in segno di protesta, si è concluso per l’aggravarsi di tre malati.

Una scelta intrapresa per denunciare la scarsa attenzione del governo verso la loro condizione di malati gravi, bisognosi di assistenza giorno e notte, contro la manovra del governo nazionale ed in particolare contro la Regione Siciliana che tace sulla cura delle cellule staminali.

A rendere nota la notizia è l'associazione “Sicilia risvegli onlus”, che segue i casi delle persone che vivono in stato vegetativo, affette da sindrome di locked-in, Sla e gravi disabilità.

''Questo sciopero - spiega Pietro Crisafulli, presidente dell'associazione - non può più continuare, le persone stanno veramente male e nessuno si muove. Ma non ci arrendiamo -annuncia - e nei prossimi giorni scenderemo in strada con manifestazioni molto forti”.

Tra i 24 disabili che hanno aderito allo sciopero della fame, anche Salvatore Crisafulli, fratello del presidente dell’associazione, che dal 2003 è immobile a letto a causa di un incidente stradale.

Intanto, sabato 17 novembre è previsto il convegno dal titolo: “Vite Sospese - Cellule Staminali: Cure Possibili? “

Oltre la presenza di Pietro Crisafulli, presidente dell’associazione, ci  sarà , anche, Irene Sampognaro,  moglie dell’architetto catanese Giuseppe Marletta in coma irreversibile dopo un banale intervento chirurgico la cui vita è appesa ad un filo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna da anni combatte il problema delle cure staminali e, in merito al suo intervento al convegno dichiara: “Mio marito è vittima della malasanità. Per lui l’ultima chance di cura sono le staminali o l’eutanasia”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

  • Incidente stradale a Giarre, investito mentre attraversa la strada: muore nella notte

Torna su
CataniaToday è in caricamento